Home Alunni Pubblicati i calendari scolastici regionali di Friuli Venezia Giulia e Liguria

Pubblicati i calendari scolastici regionali di Friuli Venezia Giulia e Liguria

CONDIVIDI

Due regioni hanno approvato in questi giorni i calendari scolastici a.s. 2017/2018.

In Friuli Venezia Giulia il prossimo anno scolastico le lezioni inizieranno l’11 settembre 2017 e termineranno il 13 giugno 2018 (30 giugno per le scuole dell’infanzia).

Icotea

Oltre alle festività nazionali, la Giunta regionale ha stabilito ulteriori sospensioni delle lezioni per il ponte dell’Immacolata (nei giorni sabato 9 dicembre), dal 23 dicembre al 5 gennaio per le vacanze natalizie (si rientrerà a scuola lunedì 8 gennaio), da lunedì 12 febbraio a mercoledì 14 febbraio 2018 compresi (carnevale e mercoledì delle Ceneri), da giovedì 29 marzo a sabato 31 marzo e martedì 3 aprile 2018 (vacanze pasquali) e infine per il ponte del 1° maggio (lunedì 30 aprile 2018).

 

{loadposition carta-docente}

 

In Liguria, invece, si inizia il 14 settembre e si chiude il 12 giugno (30 giugno per l’infanzia), dopo 206 giorni di scuola. Queste le chiusure previste:

  • 9 dicembre 2017
  • 23, 27, 28, 29, 30 dicembre 2017 e il 2, 3, 4, 5 gennaio 2018 (vacanze natalizie)
  • 29, 30, 31 marzo 2018 e 3 aprile 2018 (vacanze pasquali)
  • lunedì 23 e martedì 24 aprile 2018 (ponte del 25 aprile)
  • lunedì 30 aprile 2018 (ponte del 1° maggio).

Ciascuna scuola potrà prevedere un massimo di 6 giorni di chiusura oltre alle festività indicate dalla Regione (che scendono a 5 per le scuole situate in Comuni il cui Santo Patrono cade durante l’anno scolastico).

Saranno consentite deroghe alla data di inizio delle lezioni solo per gli istituti professionali che debbano organizzare sessioni di esame di qualifica professionale. In caso, invece, di sospensione delle attività didattiche curricolari per la realizzazione di attività non curricolari extrascolastiche comunque previste nel piano dell’offerta formativa (per esempio organizzazione di gite) la raccomandazione della Regione è che l’Istituzione scolastica deliberi contestualmente un’offerta alternativa di attività non curricolare da tenersi a scuola e da destinarsi a coloro che non partecipino alle attività non curricolari extrascolastiche.

 

{loadposition facebook}