Home Personale Regionalizzazione, Flc Cgil: “Diritto all’Istruzione deve restare nazionale”

Regionalizzazione, Flc Cgil: “Diritto all’Istruzione deve restare nazionale”

CONDIVIDI
La Flc Cgil fa una nota contro la risoluzione che accompagna il DEF, in cui la maggioranza parlamentare chiede al Governo di portare a termine l’autonomia differenziata.

Comunicato stampa FLC CGIL

Roma, 18 aprile – Apprendiamo che la maggioranza parlamentare, nella risoluzione che accompagna il Documento di Economia e Finanza (DEF), ha chiesto al Governo l’impegno a portare a termine il percorso di autonomia differenziata a favore delle regioni che ne hanno fatto richiesta.

Non c’è peggior sordo di chi non vuole sentire.

Abbiamo detto al Ministro Bussetti e all’intero governo, così come ai rappresentanti dei partiti di maggioranza, che la scuola, l’università, la ricerca, l’AFAM, non ci stanno.

ICOTEA_19_dentro articolo
Non ci stanno alla disgregazione dell’istruzione nazionale e alla regionalizzazione dei processi pedagogico didattici alla base del progetto di autonomia differenziata.
Non ci stanno alla regionalizzazione dei diritti, che non possono essere un bene limitato al luogo dove si vive. Il diritto all’istruzione deve essere garantito in modo uniforme su tutto il territorio nazionale, cosa che già oggi avviene a fatica.

Questa pervicace persistenza nell’errore, in contrasto con il sentire dei lavoratori della Conoscenza del nostro Paese, merita una sola risposta: la lotta.

Il 17 maggio 2019, giornata nazionale di sciopero, sarà il primo passo. E non sarà certamente l’ultimo.