Home Attualità Religione, anche la cattolicissima Spagna perde alunni

Religione, anche la cattolicissima Spagna perde alunni

CONDIVIDI
C’è almeno un altro paesecon una lunga tradizione cattolica, oltre all’Italia, ad accusare un calo di interesse studentesco verso la religione. È la Spagna. Che in base alle ultimissime indicazioni statistiche appare sempre più un paese “secolarizzato”. E questo nonostante il maggiore peso accademico dato alla religione cattolica dalla riforma dell’educazione promossa dal governo del Partito Popolare.
Del resto, i dati emessi dal ministero dell’Educazione, resi pubblici il 21 gennaio, evidenziano nell’ultimo decennio un evidente declino della materia nelle scuole: dall’anno scolastico 2001-2002 al 2011-2012, il totale degli alunni delle elementari che l’ha scelta è calato dal 79 al 65%; nelle secondarie dal 55,5 al 38%; al liceo dal 43,4 al 20,4%. La riduzione del numero dei frequentanti si registra in tutte le tappe educative e in tutte le comunità autonome spagnole.
Secondo Javier Callejo, docente di sociologia dell’Università di Valladolid, “i dati sono coerenti con la secolarizzazione della società e la crescente indifferenza religiosa dei giovani spagnoli”.
Entrando nel dettaglio, la regione più ‘laica’ risulta la Catalogna, dove solo il 23,3% degli alunni delle scuole pubbliche segue la religione come materia scolastica; seguita dai Paesi Baschi (30,5%) e dalle Baleari (55%); mentre la partecipazione alle ore di religione resta massiccia in Estremadura (90%) e alta in Andalusia e Canarie.
Le statistiche dell’ultimo annuario indicano che la diminuzione degli alunni che studiano religione non riguarda solo la scuola pubblica, ma anche gli istituti privati. 
CONDIVIDI