Home Archivio storico 1998-2013 Notizie dalle Regioni “S. Francesco e 150° dell’Unità”: ad Assisi il 21 maggio si premiano...

“S. Francesco e 150° dell’Unità”: ad Assisi il 21 maggio si premiano le scuole

CONDIVIDI

Già nella mattinata del 21 maggio alcune migliaia di studenti provenienti da tutta Italia si troveranno al Sacro Convento di Assisi per assistere alla premiazione dei primi cinque classificati al concorso nazionale: “San Francesco e 150° anniversario dell’unità d’Italia”.
Infatti moltissime sono state le scuole e gli studenti che hanno partecipato all’iniziativa promossa dalla rivista San Francesco in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale per l’Umbria, con l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, con il patrocinio della Regione Umbria, Provincia di Perugia, Comune di Assisi e della Rai Segretariato Sociale; ciò al fine di contribuire a sensibilizzare i giovani verso una cittadinanza attiva e consapevole, dove il passato è fonte del presente e dà valore al nostro futuro nel rispetto della Costituzione.
I premi saranno assegnati alla scuola Dante Alighieri di Casa Massima (BA), all’Istituto Comprensivo Tetti Francesi scuola Girotondo di Rivalta di Torino (TO), alla scuola primaria 2° circolo didattico G. Rodari di Polignano a Mare (BA), a una studentessa dell’Università degli studi di Palermo, all’Istituto Comprensivo B. Lorenzi di Fumane (VR); verranno pure conferite tre menzioni speciali.
Ad accogliere questo festante esercito di giovani, oltre all’intera comunità francescana  della città umbra, anche il ministro Francesco  Profumo e il  Presidente della Conferenza Episcopale Umbra, Mons. Vincenzo Paglia, nonché le autorità locali.
L’evento, trasmesso in diretta su www.sanfrancesco.org, verrà aperto da un videomessaggio del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Nel corso dell’iniziativa, che sarà condotta dal giornalista Rai, Fabrizio Gatta, gli allievi dell’Istituto Comprensivo Assisi 1 animeranno la piazza della Basilica Inferiore di San Francesco con danze e canti della tradizione italiana

CONDIVIDI