Home Personale Sciopero ad oltranza proclamato dalla FISI, sarà considerato assenza ingiustificata

Sciopero ad oltranza proclamato dalla FISI, sarà considerato assenza ingiustificata

CONDIVIDI

Con nota del 29 ottobre 2021, l’Associazione Sindacale F.I.S.I. – Federazione Italiana Sindacati Intercategoriali – ha proclamato la proroga dello sciopero generale di tutti i settori pubblici e privati a oltranza dalle ore 00.01 del 1° novembre 2021 fino alle 23.59 del 15 novembre 2021.

L’azione di sciopero interessa anche il servizio pubblico essenziale “istruzione”.

Icotea

In proposito, la Commissione di garanzia nella Deliberazione n. 21/256 ha ritenuto che, per la durata complessiva dell’astensione e la prevista modalità di partecipazione, l’azione “risulta estranea alla stessa nozione di sciopero recepita dall’art. 40 della Costituzione, consolidata anche dalla giurisprudenza della Corte di Cassazione (Cassazione n.24653 del 3 dicembre 2015)” e che, pertanto, la stessa “viola, in forza della sua estensione temporale cumulativa, non solo i limiti esterni, quali dati dalla osservanza delle regole poste alla sua effettuazione con riguardo ai servizi pubblici essenziali, ma anche e prima di tutto i limiti interni attinenti alla sua riconducibilità alla nozione costituzionale”.

La Commissione di garanzia ha anche deliberato che “conseguentemente, l’assenza dei lavoratori che aderiscano alla protesta deve ritenersi ingiustificata a tutti gli effetti di legge, con la possibilità, per le amministrazioni che erogano servizi pubblici essenziali, di attivare nei confronti dei lavoratori i rimedi sanzionatori per inadempimento, previsti dal diritto dei contratti”.

LA NOTA MI

LA DELIBERA 21/256