Home Personale Scrutini finali, ecco chi può sostituire il dirigente scolastico come presidente

Scrutini finali, ecco chi può sostituire il dirigente scolastico come presidente

CONDIVIDI

Siamo entrati nel vivo della fine dell’anno scolastico ed è tempo di scrutini. Chi ha già iniziato, chi lo farà a breve. Proseguiamo la raccolta di informazioni utili in merito a questo momento delicato per tutto il personale.

In questo articolo parliamo di chi può sostituire il presidente del Consiglio di classe, figura ricoperta dal dirigente scolastico. In caso di assenza di questo, chi può diventare presidente?

Scrutini scuola: Il presidente del Consiglio di classe

L’ art. 5 comma 8 del Decreto Legislativo 297/94, specifica che a presiedere il consiglio di classe sarà il dirigente scolastico.

ICOTEA_19_dentro articolo

Ecco che succede in caso di assenza: “I consigli di intersezione, di interclasse e di classe sono presieduti rispettivamente dal direttore didattico e dal preside oppure da un docente, membro del consiglio, loro delegato: si riuniscono in ore non coincidenti con l’orario delle lezioni, col compito di formulare al collegio dei docenti proposte in ordine all’azione educativa e didattica e ad iniziative di sperimentazione e con quello di agevolare ed estendere i rapporti reciproci tra docenti, genitori ed alunni. In particolare esercitano le competenze in materia di programmazione, valutazione e sperimentazione”.

Il docente delegato alla presidenza di un Consiglio di classe, tuttavia, può essere solamente un docente che sia membro dello stesso Consiglio.

Pertanto, questo ruolo non può essere ricoperto da uno dei collaboratori del DS, almeno che non sia docente della classe in cui si svolgono gli stessi scrutini.

Una volta designato il docente che presiederà lo scrutinio, questo non potrà rifiutarsi: infatti, salvo impedimenti oggettivi, questo insegnante deve obbligatoriamente svolgere la funzione di Presidente del Consiglio di classe.

Scrutini scuola: anche il segretario è una figura obbligatoria

Anche la figura del segretario verbalizzante del consiglio di classe è obbligatoria.

Questa figura è prevista dalla legge 297 del 1994, sempre all’art. 5 comma 5 del D.Lgs. n. 297/1994, in cui è sancito che le funzioni di segretario del consiglio sono attribuite dal direttore didattico o dal preside a uno dei docenti membro del consiglio stesso.

Ed anche in questo caso, tale docente individuato alla verbalizzazione non può rifiutarsi all’espletamento di tale ordine di servizio, salvo oggettivi impedimenti,

Per concludere, affinchè la seduta del consiglio di classe sia valida, devono essere presenti necessariamente la figura del Presidente e quella del Segretario, in ogni caso, tali figure devono essere sempre distinte.

 

LEGGI ANCHE

Scrutini finali, valutazione non è solo questione di media aritmetica
Scrutini finali: quali regole nella scuola primaria
Scrutini, il docente di sostegno partecipa: illegittima l’esclusione!
Scrutini, la proposta del voto può essere modificata dalla maggioranza del Consiglio
Scrutini, è previsto un compenso per chi sostituisce il collega assente?