Home Personale Scrutini, il prof propone il voto ma decide il consiglio di classe

Scrutini, il prof propone il voto ma decide il consiglio di classe

CONDIVIDI

Anche se ancora mancano oltre 2 mesi agli scrutini, riprendiamo il discorso in merito allo svolgimento, al potere del singolo docente e quello del consiglio di classe, che spesso nascondono interpretazioni dubbie e non conformi alla normativa.

VALE LA PROPOSTA DEL PROF O DEL CONSIGLIO DI CLASSE?

Infatti, molti docenti ci pongono la seguente questione: “in sede di scrutinio, io (il prof titolare) propongo un voto in quella determinata materia. Ma se il consiglio di classe non è d’accordo, può revocare la valutazione che ho dato io al mio alunno?”

Icotea

La risposta è si, perché al docente titolare della materia in questione spetta proporre il voto per l’alunno, che sarà la sintesi di giudizio del prof, ma se tale proposta non viene riconosciuta e condivisa dagli altri colleghi del Consiglio di classe, è prevista la votazione del Consiglio e in tal caso si deciderà il voto dello studente in base alla maggioranza.

Infatti, il decreto regio  n°64 del 1925, afferma che: “i voti si assegnano, su proposta dei singoli professori, in base ad un giudizio brevemente motivato desunto da un congruo numero di interrogazioni e di esercizi scritti, grafici o pratici fatti in casa o a scuola, corretti e classificati durante il trimestre o durante l’ultimo periodo delle lezioni. Se non siavi dissenso, i voti in tal modo proposti s’intendono approvati; altrimenti le deliberazioni sono adottate a maggioranza, e, in caso di parità, prevale il voto del presidente…

 

MA LA VALUTAZIONE DEVE ESSERE MOTIVATA

Tuttavia, è bene sottolineare che, nel caso in cui la valutazione proposta dall’insegnante di quella disciplina dovesse essere modificata dal Consiglio di classe, a maggioranza, tale modifica deve  essere motivata e messa per iscritto in sede di compilazione del verbale riferito alla seduta.

Regio Decreto Scrutini