Scuola d’estate: piace ad associazioni e sindacati, molto meno a docenti e studenti [VIDEO]

CONDIVIDI

Il piano per la scuola in estate previsto dal decreto legge 41 sta per diventare operativo. Sarà articolato in tre fasi.
La prima si svolgerà nel mese di giugno e sarà finalizzata al potenziamento degli apprendimenti con attività laboratoriali o all’aperto.
Nei mesi di luglio e agosto si svolgeranno attività per il recupero della socialità in spazi aperti, teatri, cinema, musei, parchi e centri sportivi.
Il terzo momento è previsto per il mese di settembre prima dell’inizio delle lezioni e farà da ponte e da collante con il nuovo anno scolastico.

Le risorse in campo sono consistenti, 510 milioni in tutto; 150 stanziati con il DL 41, 40 derivanti della legge 440 e 320 provenienti dai PON.
I 320 milioni dei PON saranno assegnati tramite un bando che scade il 21 maggio, tutti gli altri andranno a tutte le scuole.
Quasi del tutto favorevoli i commenti di politici, sindacalisti e associazioni professionali.

Icotea

Intanto prosegue il sondaggio promosso dalla nostra testata per conoscere le intenzioni dei lettori sulla eventuale adesione al progetto

iscriviti

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook