Home I lettori ci scrivono Scuola, perché meritocraticamente parlando?

Scuola, perché meritocraticamente parlando?

CONDIVIDI

Si, ma forse occorre supporre… che l’avvento, per chi scrive, sperabile, ma ancora forestiero, di una realtà meritocratica imporrebbe di domandarsi: perchè l’America, principalmente, pur essendo giovanissima, rispetto alla “Vecchia Europa” è in posizioni primarie?

Conseguentemente, siamo portati a ritenere l’istituto o scuola meritocratica, come un’istituzione, non soltanto utile alla scuola stessa, ma a tutte le altre attività annesse e connesse, con la vita di una Nazione, e cioè: funzionari e impiegati e popolazione, meritevoli di lode, per saggezza, diligenza e onestà, provenienti da un rodaggio utilissimo; da ciò ne consegue, ovviamente, un benessere generale.

Ciò brevemente premesso ed evidenziato, conosciamo che una scuola meritocratica, non resta soltanto nell’ambito scolastico, ma preparando le popolazioni, a tale insegnamento di rigorosa competenza ed onestà, arriva ad essere primaria come istituzione primaria da, forse, troppi, guardata ed invidiata… 

Icotea