Home Personale Se si vuole la Dad per la scuola, anche il parlamento discuta...

Se si vuole la Dad per la scuola, anche il parlamento discuta via internet

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Dal prof Marco Pappalardo, docente di lettere nei licei e collaboratore esterno del quotidiano La Sicilia di Catania e dell’Avvenire, riceviamo una interessante riflessione sulla didattica a distanza con riferimento ai lavori parlamentari. 

Stupisce la quantità di parlamentari colpiti ed in quarantena tanto da paventare una chiusura del Parlamento o il rinvio dei lavori! Possibile che bambini, ragazzi e adolescenti in un mese di scuola siano stati più responsabili dei nostri politici? Possibile che dentro i palazzi della politica non si sia stati in grado di far rispettare le basilari norme del distanziamento, della mascherina e dell’igienizzazione a quanti ogni giorno da mesi tengono comizi sull’argomento? Possibile che i vasti ambienti di cui godono i parlamentari siano più pericolosi delle aule scolastiche che non brillano per ampiezza rispetto alla quantità alunni e docenti? Possibile, ancora, che i mezzi di trasporto usati per recarsi in Parlamento siano persino peggiori di quelli pubblici presi dagli alunni e dal personale? 

Qualcuno potrebbe dire che sono stati contagiati fuori dai palazzi, ma non sarebbe una buona giustificazione e neanche un buon esempio, visto che il popolo (e soprattutto ragazzi e giovani) è “accusato” di non rispettare fuori le regole e di assembrarsi. Possibile che sull’apertura e sulla chiusura (cioè il passaggio alla didattica a distanza che non è chiusura!) della scuola, alla fine, decideranno gli stessi politici che pare non siano in grado di tenere aperta la più importante istituzione democratica del nostro Paese? E non fa sorridere che il gigante scuola a marzo abbia dovuto reinventarsi in una settimana con la DaD e loro non riescano ad organizzarsi per gestire da casa le sedute parlamentari? 

ICOTEA_19_dentro articolo

A dire del Governo e di diversi esponenti politici la scuola è un luogo sicuro e con regole certe in materia di prevenzione del virus: a questo punto c’è da crederci? I problemi sorgono fuori a causa dei trasporti affollati e della movida: ma non diamo la colpa solo ai giovani! I contagi tra docenti, alunni e personale, leggendo alcuni dati, non sono significativi a quanto pare: peccato che non sappiamo quanti hanno contagiato fuori ed in casa a loro volta. 

Dunque non si passa alla didattica a distanza per ora e, chi lo ha fatto in alcune regioni, sta sbagliando! In fondo è bello avere un primato positivo finalmente e non essere il solito fanalino di coda, considerato l’alto numero di persone che frequentano i nostri istituti: negli ospedali ci si contagia facilmente pur con tutti i presidi, le RSA non hanno imparato la lezione, alcune caserme a dispetto dell’ordine e la sicurezza sono piccoli focolai. Certo, che tutto questo sia usato come una bandiera da sventolare mentre il Parlamento è a metà servizio, fa pensare e sospirare! 

Marco Pappalardo

Preparazione concorso ordinario inglese