Home Personale Sempre emergenza presidi. Il caso della dirigente scolastica che gestisce tre istituti

Sempre emergenza presidi. Il caso della dirigente scolastica che gestisce tre istituti

CONDIVIDI

Fino al 29 dicembre è possibile presentare domanda per partecipare al prossimo concorso dirigente scolastico, che mette in palio 2.425 posti, di cui 9 in Friuli Venezia Giulia. Il corso-concorso bandito dal Ministero dell’Istruzione però prevede tempi lunghi e le sostituzioni non sarà possibile fino al 2019.

In Friuli Venezia Giulia, così come segnala Il Messaggero Veneto, quasi metà dei plessi non avrà un capo. In questo momento la situazione è del 38% in meno di presidi (cioè 57 scuole su 153). Un record o quasi se lo rapportiamo alla media italiana del 18,3%. In questo panorama il Friuli Venezia Giulia guida la classifica con Lombardia e Veneto. La penuria è così tale che alcuni dirigenti hanno dovuto sobbarcarsi altri due istituti oltre a quello di pertinenza. Con un carico di lavoro impossibile da affrontare.

Icotea

A Il Messaggero Veneto, una dirigente scolastica, Rossella Rizzatto, racconta la sua storia. Rizzato è chiamata a gestire tre istituti scolastici, preside del Liceo Artistico “Sello” di Udine e reggente degli Istituti Comprensivi di Paluzza e Arta Terme: “Lavoro da gestire? Come essere a capo di un’azienda di medio-grande livello senza avere gli strumenti adeguati per poterlo fare. Sono stata chiamata a dirigere tre istituti poiché in passato sono stato dirigente in quelle due strutture, dunque conosco dinamiche relazionali e progettuali. I due istituti che ho in reggenza soffrono più degli altri della mancanza di presenza, cui cerco di sopperire attraverso la continua reperibilità. Quello che maggiormente conta è fare affidamento su persone valide, professionali e disposte a mettersi in gioco per raggiungere i fini istituzionali”.