Home Attualità Storie di acronimi: dalla SSIS al TFA

Storie di acronimi: dalla SSIS al TFA

CONDIVIDI

La SSIS – Scuola di Specializzazione all’Insegnamento Secondario – è stata attivata nell’Anno Accademico 1999/2000 (I Ciclo) con la finalità di formare gli insegnanti delle scuole secondarie di primo e secondo grado. Alla SSIS si accedeva con laurea di vecchio ordinamento (almeno quadriennale) o laurea specialistica di nuovo ordinamento.

Tommaso Barone

Era organizzata in modalità interateneo a livello regionale, con accesso a numero chiuso (stabilito ogni anno dal Ministero dell’Università e della Ricerca). Ciascuna SSIS regionale era articolata in vari indirizzi disciplinari, ciascuno dei quali comprensivo di una pluralità di classi di abilitazione.

Icotea

Prevedeva una durata biennale (quattro semestri), che poteva però abbreviarsi in presenza di eventuali crediti formativi oppure allungarsi per conseguire l’abilitazione in più classi oppure per conseguire anche il titolo di specializzazione per l’insegnamento di sostegno. Usciti dalla SSIS si poteva accedere direttamente all’insegnamento, e pur restando nel precariato, permetteva comunque di entrare a far parte del mondo della scuola. A conclusione del suo IX Ciclo la SSIS è stata chiusa; siamo nell’Anno Accademico 2008/2009

A partire dall’Anno Accademico 2011/2012 la SSIS è stata sostituita dal TFA – Tirocinio Formativo Attivo- ultima modalità attraverso la quale gli aspiranti insegnanti potevano accedere all’abilitazione all’insegnamento in Italia. Per partecipare al concorso per accedere al TFA era necessario superare i test preselettivi, le cui procedure si sono concluse nel luglio 2012. Infatti, i corsi del TFA erano a numero chiuso (con test di accesso) e ogni anno venivano stabiliti a livello regionale i posti disponibili per ciascuna classe di concorso. Prevedevano il superamento di tre prove:

  • Un test preliminare predisposto a livello nazionale con domande a risposta chiusa (DM n. 312/2014 e DM n.487/2014).
  • Una prova scritta ed una prova orale a cura delle Istituzioni Accademiche (DM n. 312/2014).

Poi è arrivato un altro acronimo il FIT, ma questa è un’altra storia dalla vita breve.