Home Didattica Studiare robotica per sviluppare il pensiero critico

Studiare robotica per sviluppare il pensiero critico

CONDIVIDI

Studiare e applicare la robotica educativa non è importante soltanto per imparare a costruire o a usare i robot, ma anche per imparare un metodo di ragionamento e sperimentazione del nostro vivere quotidiano.

Proponiamo 3 concetti per approfondire il concetto espresso:

  1. la Robotica raccoglie tutte le competenze necessarie alla costruzione di macchine (meccanica, elettrotecnica, elettronica), di computer, di programmi, di sistemi di comunicazione, di reti.
  2. il profilo particolare di questa nuova scienza promuove le attitudini creative negli studenti, nonché la loro capacità di comunicazione, cooperazione e lavoro di gruppo.
  3. lo studio e l’applicazione della Robotica, favoriscono negli studenti un atteggiamento di interesse e di apertura anche verso le tradizionali discipline di base (p. es. matematica, fisica, disegno tecnico, etc.)

La Robotica Educativa fa riferimento alle teorie di Papert che descrivono i vantaggi di utilizzare semplici kit di costruzione e programmazione a scopo didattico: i giovani diventano così protagonisti dell’apprendimento e creatori del proprio prodotto, invece che semplici utilizzatori passivi.

ICOTEA_19_dentro articolo

Esistono esperienze significative che dimostrano come la robotica educativa giochi un ruolo rilevante nell’aumentare la motivazione e il coinvolgimento, nel favorire l’apprendimento learner-centered, le abilità di problem-solving, la creatività, la curiosità e il lavoro di squadra. Per quanto detto la robotica mette in moto processi di pensiero critico da parte dello studente.

Nella didattica che utilizza la robotica sono interessanti due aspetti: il primo, legato alle possibilità che questi strumenti offrono in termini di laboratorializzazione della lezione e di progettualità che docente e studente devono esprimere agendo sulla dimensione della multidisciplinarietà e della verticalità; il secondo, legato allo sviluppo del pensiero critico e della competenza digitale, quindi al modo in cui gli studenti si interfacciano ai progetti e ai problemi che possono emergere da essi.

Infine per produrre buone pratiche da diffondere nella comunità dei docenti è utile la produzione di strumenti di valutazione e validazione delle attività didattiche svolte in classe e per lo studio di modelli per l’individuazione di eccellenze nell’uso della robotica.