Home Attualità Supplenze, precari convocati la notte devono prendere servizio la mattina successiva: le...

Supplenze, precari convocati la notte devono prendere servizio la mattina successiva: le proteste

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Non si placano le polemiche di molti precari interessati a lavorare come supplenti quest’anno scolastico: con le convocazioni ancora in corso, sono tanti i docenti che lamentano problemi di varia natura.

Convocazione la notte e presa di servizio la mattina successiva

Gli errori delle Gps sono chiaramente fra i più comuni: tantissimi supplenti hanno riferito che, nonostante il reclamo presso l’Ufficio provinciale, hanno visto pubblicati i punteggi identici a prima, quindi secondo gli insegnanti precari, non sarebbero stati corretti errori.

Ma ci sono altre proteste: alcuni scrivono sull’eccessiva velocità con cui bisogna recarsi a scuola una volta nominati: ad esempio un lettore scrive: “sembra corretto che in alcune province pubblicano convocazioni ed assegnazioni di notte ed all’indomani mattina si deve prendere servizio alle 8:00? Come fanno quelli da fuori regione?

ICOTEA_19_dentro articolo

E ancora: “Dobbiamo stare tutto il giorno incollati ad un pc solo perchè non vogliono darsi e non vogliono darci un limite orario, come ad es. le 18:00 entro cui dobbiamo star in allerta, altrimenti si rimanda al giorno successivo“. 

Date queste criticità, il lettore scrive: “prendiamoci un anno per correggere le GPS e partiamo con le GI presenti, non è difficile, l’anno partirebbe alla GRANDE, siete ancora in tempo!

Spettano 24 ore per prendere servizio per le graduatorie di istituto

In realtà, come abbiamo spiegato in precedenza, per le convocazioni da graduatorie di istituto il preavviso dovrebbe essere al massimo di 24 ore, anche se, l’utilizzo della procedura sarebbe previsto per la convocazione di ogni tipologia di supplenza.

Segui lo SPECIALE SUPPLENZE in DIRETTA mercoledì 23 settembre alle 15,30

Per seguire la nostra diretta

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook


CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese