Home Alunni Tablet al posto dei libri di testo, all’Itis Majorana di Brindisi è...

Tablet al posto dei libri di testo, all’Itis Majorana di Brindisi è già realtà

CONDIVIDI
  • Credion

L’istituto tecnico Majorana di Brindisi torna a far parlare di sé: stavolta per l’utilizzo dei tablet, che da qualche giorno sta andando a ritirare in vista del prossimo anno.

Il motivo? È semplice: utilizzeranno i mini computer portatili al posto dei libri di testo. “Tutto è cominciato – scrive l’Ansa – con Book in Progress, il progetto nato nel 2009 con il quale circa 800 insegnanti hanno iniziato a scrivere da soli i loro libri di testo in formato digitale e cartaceo. Così facendo si è creata una rete di scuole, con capofila appunto l’Istituto Majorana, che ha iniziato ad adottarli facendo risparmiare parecchio a famiglie e studenti. I libri al Majorana di Brindisi non costano praticamente niente: se nel 2014, una famiglia italiana ha speso mediamente intorno ai 485 euro per l’acquisto dei libri di testo (dati Federconsumatori), nella scuola pugliese la spesa non ha oltrepassato i 50 euro a studente”.

Icotea

Il risparmio ha suggerito l’idea di Salvatore Giuliano, preside del Majorana: “Ma se si spendono solo 50 euro a studente per i libri, perché non chiedere a loro e ai rispettivi genitori di investire il denaro risparmiato comprando degli iPad?”.

Le famiglie non solo sono state d’accordo, ma anche entusiaste. Senza contare che gli iPad sono stati acquistati a prezzi più che vantaggiosi. È difficilissimo avere sconti da Apple, ma il fatto di dover comprare 250 iPad tutti insieme, ha permesso a Salvatore Giuliano di strappare una riduzione dell’11% sui prodotti. E questo significa che ogni iPad, in base alle esigenze e alle preferenze di ogni famiglia che ne ha scelto modello e tipologia, è costato a partire dai 260 euro. E chi ha voluto, ha potuto anche usufruire di un pagamento rateizzato: 25 euro al mese a interessi zero per studiare ogni giorno su questo dispositivo tecnologico. Insomma, da settembre ogni studente del Majorana di Brindisi, dal primo al quarto superiore, entrerà in classe con un iPad.

“Inutile dirlo, i ragazzi – ha dichiarato a Skuola.net Salvatore Giuliano – sono stati più che entusiasti di questa iniziativa. Si tratta in fondo di utilizzare per studiare quello che loro normalmente usano fuori scuola”.

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola