Home Archivio storico 1998-2013 Attività parlamentare Un bimbo può crescere bene in famiglia gay

Un bimbo può crescere bene in famiglia gay

CONDIVIDI
  • Credion

Per la Cassazione non è altro che un “mero pregiudizio” sostenere che “sia dannoso per l’equilibrato sviluppo del bambino il fatto di vivere in una famiglia incentrata su una coppia omosessuale”. In particolare, la Prima sezione civile (sentenza 601) si è così espressa affrontando il caso di affidamento tra un uomo di religione islamica che aveva avuto un figlio con una donna italiana, residente a Brescia, che successivamente era andata a convivere con una donna.
L’uomo, in Cassazione, ha contestato l’esclusivo affidamento del figlio accordato alla madre dalla Corte d’appello di Brescia (26 luglio 2011), sulla base del fatto che il bimbo era inserito in una famiglia gay per cui avrebero potuto esserci “ripercussioni negative sul bambino”. A suffragio di questa tesi, la difesa ha citato l’art.29 della Costituzione sui ‘diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio’.
La Cassazione ha respinto il ricorso e ha evidenziato che alla base delle lamentele “non sono poste certezze scientifiche o dati di esperienza, bensì il mero pregiudizio che sia dannoso per l’equilibrato sviluppo del bambino il fatto di vivere in una famiglia incentrata su una coppia omosessuale”.
In questo modo, annota ancora la Prima sezione civile presieduta da Maria Gabriella Luccioli, “si da’ per scontato ciò che invece è da dimostrare, ossia la dannosità di quel contesto familiare per il bambino, che comunque correttamente la Corte d’appello ha preteso fosse specificamente argomentata”.
Il Tribunale per i minorenni di Brescia aveva già disposto l’affidamento esclusivo del figlio minorenne alla madre con incarico ai servizi sociali di regolamentare gli incontri del minore con il padre, da tenersi “con cadenza almeno quindicinale”.
Arcigay: una sentenza storica
Una “sentenza storica, i candidati agiscano di conseguenza”. E’ il commento di Arcigay alla sentenza della Cassazione sui figli affidati a famiglie gay. ”Ancora una volta – afferma Flavio Romani, presidente Arcigay – un tribunale italiano da’ ragione alla famiglia composta da persone dello stesso sesso. Non solo, negli anni scorsi, la Corte Costituzionale e la Corte di Cassazione hanno dichiarato il matrimonio omosessuale perfettamente compatibile con la nostra Costituzione, ora la Corte di Cassazione ribadisce quello che ripetevamo da tempo e cioè che un bambino cresce in una famiglia di mamma e mamma o di papà e papà esattamente allo stesso modo di un bambino che cresce in una famiglia uomo-donna. E’ l’amore che cresce un figlio o una figlia, non l’orientamento sessuale dei genitori. Quello di oggi è un pronunciamento istituzionale storico che da un assist formidabile alla futura maggioranza per legiferare finalmente per il matrimonio tra persone dello stesso sesso e la piena uguaglianza delle famiglie”. ”Ricordiamo che gia’ oggi in Italia – aggiunge – esistono migliaia di figli e figlie di coppie omosessuali che sono discriminati per legge: e’ un orrore sociale e legislativo che va rapidamente superato. I partiti politici prendano finalmente atto di questa sentenza e adeguino i loro programmi e le loro prospettive ad una realta’ che ormai non puo’ essere lasciata senza tutele e normative. Basta quindi con la corsa ai distinguo e alle mezze misure sui diritti civili e la dignita’ delle persone, l’uguaglianza sostanziale che i tribunali e la societa’ gia’ ci riconoscono, e che solo la politica si ostina a voler ignorare, va riconosciuta per Legge”. (Tg1)