Home Archivio storico 1998-2013 Riforme Vendola: per rilanciare la scuola serve un piano straordinario di finanziamento

Vendola: per rilanciare la scuola serve un piano straordinario di finanziamento

CONDIVIDI
  • Credion
Tra i tanti consensi che il ministro dell’Istruzione ha ricevuto in occasione del suo intervento sulla necessità di reperire con fretta i 300 milioni di euro che farebbero tenere in vita i tanti atenei italiani a rischio sostentamento, figura anche Nichi Vendola, presidente di Sinistra Ecologia Libertà
“Il Parlamento italiano – ha detto Vendola – raccolga l’appello di assoluto buon senso che viene dal ministro Profumo: non si continui con l’opera di ‘sfascio’ perpetrato negli anni della Gelmini verso il sistema universitario e dell’alta formazione, e si rifinanzi il Fondo di Finanziamento Ordinario per gli atenei”.
Secondo il presidente di Sel, “questa classe politica che siede in Parlamento dimostri coerenza: durante i convegni e i talk show non può riempirsi la bocca di parole come scuola, giovani, futuro, ricerca, innovazione e poi non fare nulla. Per trovare 400 milioni di euro basta poco, basta ad esempio annullare l’acquisto di tre F35 per coprire una cifra simile. E’ sempre più evidente che con la prossima legislatura, servirà un piano straordinario di finanziamento della scuola pubblica, della ricerca, dell’università, che ci porti almeno ai livelli degli altri Paesi europei. Senza di questo faccio fatica a intravedere un futuro per il nostro Paese”.
Quello di Vendola sembra un impegno importante. Soprattutto se il presidente di Sel dovesse far parte del futuro Governo e della sua maggioranza con un incarico di rilievo.