Home I lettori ci scrivono L’amore nel mestiere del docente

L’amore nel mestiere del docente

CONDIVIDI

Egregio ministro Bussetti,

condivido la sua intenzione di evitare l’ennesima riforma della scuola che noi operatori siamo stati costretti a subire ad ogni cambio di governo negli ultimi 30 anni.

Lei, in un recente convegno tenuto nella mia città, ha parlato di amore e non si può non condividere la scelta di una parola così importante e impegnativa.

ICOTEA_19_dentro articolo

Si tratta di un concetto, a mio avviso, sistemico, che non riguarda solo l’atteggiamento del docente verso i propri ragazzi e il proprio mestiere, ma anche l’ atteggiamento della politica, delle famiglie e della società nei confronti dei docenti. Veniamo da decenni di delegittimazione e di peggioramento delle condizioni lavorative, sia a livello economico che di prestigio sociale e di burocratizzazione delle procedure.

Qualche tempo fa ho scritto che l’unico momento della mia storia lavorativa in cui mi sono sentito importante, “coccolato” dallo stato, è stato nella seconda metà degli anni ottanta, quando tutte le forze politiche si sono trovate d’accordo sulla necessità di superare il maestro unico e sono stati istituiti i famosi moduli con le famose ore di compresenza, poi massacrati da Tremonti e company. Da allora solo tagli, sacrifici, riforme contrapposte calate dall’alto, insulti, condizionamenti, clima avvelenato e odio nei nostri confronti.

Se la politica darà l’esempio e comincerà ad “amare” i propri docenti proteggendoli dagli attacchi della società, migliorandone le condizioni economiche ed ambientali, facendo applicare le normative europee sulla tutela della loro salute (inevase al 100%) allora sì che le cose potranno cambiare realmente in un sistema scolastico, il nostro, confuso e disorientato, basato da sempre sulla “buona volontà” di docenti, presidi e operatori Ata.

Ferdinando Monti