Home Archivio storico 1998-2013 Generico 130 studenti in Polonia visitano gli orrori della Shoah. Ci sarà anche...

130 studenti in Polonia visitano gli orrori della Shoah. Ci sarà anche il Ministro

CONDIVIDI
  • Credion
Ha voluto esserci anche il ministro dell’Istruzione, Francesco Profumo, tra i 130 studenti e il gruppo di docenti accompagnatori che tra il 17 ed il 18 gennaio si recheranno in Polonia in visita ai campi di sterminio nazisti di Auschwitz e Birkenau. La presenza del responsabile del Miur arricchirà ulteriormente il significato storico-culturale di una visita che intende ripercorre la Shoah e le mostruosità compiute dai nazisti, attraverso il racconto di alcuni ebrei italiani sopravvissuti.
Con i ragazzi (una delegazione per una scuola di ogni regione) e il ministro viaggeranno nove rappresentanti dell’Unione delle comunità ebraiche italiane con il presidente Renzo Gattegna, il direttore del Museo della Shoah, Marcello Pezzetti, e alcuni sopravvissuti
 Cuore della visita ai campi, come avviene da anni, saranno proprio le loro storie e la rivisitazione del loro vissuto drammatico ad Auschwitz-Birkenau. I ragazzi si renderanno conto ‘dal vivo’ di quanto è successo e le vicende dei sopravvissuti li faranno nuovi testimoni dell’Olocausto.
Questo il programma del viaggio: martedì 17 gennaio studenti e docenti raggiungeranno Cracovia e già in serata è previsto un primo incontro con Profumo, Gattegna e i sopravvissuti per introdurre la visita ai campi, che si effettuerà la mattina di mercoledì 18. Gli studenti visiteranno anche la Bahnrampe, i resti del Krematorium II, la Zentralsauna, i resti del Kanada II, il campo femminile e quello riservato ai bambini.
Il ministro Profumo, il direttore Gattegna e due studenti italiani depositeranno poi simbolicamente una pietra sotto il monumento dedicato alle vittime della follia nazista. Il viaggio proseguirà con la visita al Museo di Auschwitz 1 e ai diversi Blok.
L’iniziativa rientra nel “Viaggio della Memoria”, che quest’anno coincide con la decima edizione del concorso ‘I giovani ricordano la Shoah’, dedicato i cui vincitori delle secondarie di II grado saranno premiati da Napolitano il prossimo 27 gennaio, Giorno della Memoria, al Quirinale.