Home Archivio storico 1998-2013 Borse di studio 14 giovani brillanti a Profumo: applichi la legge, altrimenti presto “fuggiremo” all’estero

14 giovani brillanti a Profumo: applichi la legge, altrimenti presto “fuggiremo” all’estero

CONDIVIDI
  • Credion
Altro che trattenere i nostri giovani più brillanti. L’Italia continua a perderli. A lasciarli partire per centri di ricerca all’estero. La denuncia arriva stavolta da quattordici diretti interessati, tutti cosiddetti ‘cervelli in fuga’, rientrati in Italia da alcuni anni, ma che il 28 marzo hanno scritto al responsabile del Miur, Francesco Profumo, per chiedergli razionalità e tempi certi nelle procedure per continuare a fare ricerca nel nostro Paese. In primis superando “i ritardi e le assurdità nella procedura di rinnovo del ‘Programma di Rientro dei Cervelli’ del 2008-2009”.
Il raggruppamento di giovani promesse, tra cui due ricercatori della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (SISSA) di Trieste, parlano di “vizi burocratici e lentezza nei processi di valutazione”, che “rischiano di lasciarli senza lavoro e costringerli a tornare all`estero”.
“Siamo rientrati in Italia per contribuire alla ricerca e allo sviluppo del nostro Paese e per restituire almeno parte di quanto abbiamo ricevuto gratuitamente nel corso di molti anni di studio”, si legge nella lettera indirizzata al ministro”.
“Il programma fu allora pensato per arginare la pericolosa ‘fuga di cervelli’ che ha visto (e vede ancora) le nostre eccellenze scientifiche costrette a cercare lavoro all`estero, viste le scarse possibilità offerte dal nostro Paese sia sul fronte delle risorse stanziate per fare ricerca, sia per quel che riguarda le possibilità professionali dei ricercatori”.
“Questo appello non è che l`ennesimo segnale inquietante di come l`Italia non riesca a seguire una vera politica scientifica degna dei paesi sviluppati”, precisa Guido Martinelli, Direttore della Sissa di Trieste: “La stabilizzazione dei ricercatori è fondamentale, altrimenti non solo i cosiddetti `cervelli in fuga` non rientreranno mai, ma contribuiranno a diffondere l`immagine dell`Italia come un paese che non sa garantire i propri impegni”.

“Voglio sottolineare che non chiediamo di essere stabilizzati `a colpi di legge`, cosa che tutti noi firmatari riteniamo sbagliata e contraria al principio di promozione dell`eccellenza”, incalza Andrea Gambassi, fisico della Sissa: “Quello che chiediamo è che la valutazione della nostra idoneità venga fatta con tempi certi e con una procedura razionale, in modo da poter programmare il nostro futuro, un diritto di cui ogni cittadino dovrebbe beneficiare”.
Secondo i ricercatori, i programmi di rientro, oggi chiamati borse ‘Rita Levi Montalcini’, più volte riportati all`attenzione dei media come esempio dell`impegno ministeriale per l`incentivazione dell`eccellenza accademica, soffrono di controsensi burocratici che rischiano di vanificare l`ingente investimento economico fatto dal nostro Paese.
Nella lettera, inoltre, i quattordici firmatari denunciano “la norma irrazionale che di fatto rallenta, fino a quasi bloccare, la procedura di valutazione del rinnovo dei contratti quadriennali assegnati con il bando 2008/2009. I ricercatori ora rischiano di non poter ottenere né il rinnovo in Italia, né di poter cercare in tempo una nuova posizione all`estero”.