Home Alunni 3 studenti italiani vincono il Fujitsu AI-NLP Challenge

3 studenti italiani vincono il Fujitsu AI-NLP Challenge

CONDIVIDI

Uno studente di Maratea,  una studentessa di Jesi, e uno di Bassano del Grappa, hanno progettato una «rete neuronale profonda», aggiudicandosi la considerevole somma di 20mila dollari, vincendo in team il Fujitsu AI-NLP Challenge, una sfida al livello mondiale per sviluppare un programma in grado di scegliere la risposta corretta a domande poste in lingua inglese.

A renderlo noto è l’Università di Pisa che spiega «si tratta di un algoritmo che impara ad analizzare le domande attraverso un innovativo “meccanismo di attenzione” per focalizzare le parti del testo più rilevanti ai fini di individuare le risposte corrette».

I tre studenti – ora in Germania con il programma Erasmus+ – hanno sviluppato l’idea nell’ambito del corso in “Human Language Technology” della laurea magistrale in Informatica”. il Fujitsu AI-NLP Challenge nasce nel 2015, questo insieme di tecnologie unisce e sistematizza diverse aree di conoscenza e decision making per creare un sistema di consulenza che, utilizzando l’intelligenza artificiale, supporta consulenti e clienti per garantire innovazione e rispondere ai bisogni manageriali di questi ultimi. Esso è composto da tre blocchi principali:

• percezione e riconoscimento delle sensazioni umane, per identificare frodi informatiche e migliorare il customer service cercando di comprendere le emozioni degli utenti;

• knowledge processing, un processo cognitivo che crea conoscenza per processi meccanici. Esempi sono supporto al decision-making nel campo medico e supervisione per la parte finanziaria;

• supporto e decisioni, il blocco dedicato alle decisioni pubbliche o di business che si basa su un supercomputer. Esempi sono la mitigazione del traffico aereo e la simulazione di un’inondazione a causa di tsunami.Da notare che i tre studenti provengono da tutti i territori nazionali: nord centro e sud.  Un modo come un altro per dire che la scuola italiana non ha bisogno di regionalizzazioni.

CONDIVIDI