Home Reclutamento Abilitazione, nuove strade per i futuri prof: corsi da 60 crediti e...

Abilitazione, nuove strade per i futuri prof: corsi da 60 crediti e non solo

CONDIVIDI

Ancora novità per chi aspira a diventare docente. Come riporta ‘Il Sole 24 Ore’ di oggi, il governo può riscrivere nuovamente (per la sesta volta in 20 anni) le regole per portare i docenti in cattedra. È il momento (per medie e superiori) delle lauree semiabilitanti, triennale + magistrale (3+2) o a ciclo unico, con l’aggiunta di 60 crediti formativi su materie antropsico-pedagogiche “acquisibili” negli ultimi due anni di corso e il vecchio esame di abilitazione sostituito da una lezione simulata al completamento dei 60 Cfu. Lo prevede uno schema di decreto legge atteso in uno dei prossimi Consigli dei ministri.

Indiscrezioni che metterebbero di fronte agli aspiranti docenti tre strade:

Icotea

La prima: conseguire almeno 30 Cfu (di cui 15 di tirocinio) all’università e partecipare alle selezioni a cattedra, salvo poi completare i restanti 30 Cfu e l’abilitazione con un anno a tempo determinato e part-time.

La seconda: ottenere 60 Cfu e l’abilitazione già durante gli studi, passare il concorso così da svolgere subito l’anno di prova e, previa valutazione positiva, giungere alla conferma in ruolo.

La terza: per i precari “storici” (con almeno 36 mesi di servizio alle spalle) che possono accedere direttamente al concorso (senza 60 Cfu e abilitazione) e, se passano le prove, buttarsi nell’anno di prova.

Sempre secondo quanto afferma ‘Il Sole 24 Ore’ il progetto a cui stanno lavorando i ministri Bianchi e Messa rappresenta un punto essenziale della riforma del reclutamento prevista dal Pnrr. Obiettivo arrivare al 2024 a 70mila immissioni in ruolo di docenti qualificati e formati. Ma restano da limare alcuni dettagli come i 60 Cfu con la possibilità che si possano conseguire in parallelo rispetto a quelli “disciplinari” senza allungare il percorso di un anno e far diventare la magistrale triennale. Per ogni classe di concorso si formeranno due graduatorie: una relativa ai vincitori in possesso dei 60 Cfu e dell’abilitazione specifica sulla classe di concorso e l’altra sui posti residui per chi ha superato il concorso ma con soli 30 Cfu (che faranno un anno di lezione in part time per arrivare ai 60).