Home I lettori ci scrivono Abiltazione di serie B

Abiltazione di serie B

CONDIVIDI

Mi rivolgo al ministro Giannini per esprimere il mio profondo sdegno per quello che sta attuando.

Sono una dei tanti insegnanti con anni di servizio sulle spalle che sta frequentando i Pas per conseguire l’abilitazione. Tengo a precisare che i Pas sono una sorta di sanatoria per lo Stato che in questi anni ha sfruttato i docenti e non viceversa, tra l’altro alla modica cifra di 2.500 euro.

Icotea

Le giornate mie e dei miei colleghi sono una falcidia: sveglia all’alba, trasferimento a scuola per tutta la mattinata, trasferimento all’università per 3 o 4 volte a settimana(compreso il sabato), il pranzo è un optional, ritorno a casa a sera. A quel punto bisogna trovare il tempo per sistemare gli appunti, per studiare, per preparare le tesine e per correggere i compiti dei nostri alunni e mettere insieme le lezioni. Le università hanno avuto tutto il tempo per organizzare questi corsi, ma così non è stato: lezioni, si fa per dire, dove vengono lette, si lette, slide su slide, un fiume in piena di parole di scarso interesse e inutilizzabili per trasferire nel mondo del lavoro.

A volte ho l’impressione che questi insegnanti non siano mai entrati in un’aula di scuola, non abbiamo mai visto gli alunni, sia delle medie sia dei licei, non sappiano i loro problemi. Mi aspettavo da questi corsi non le ennesime lezioni che abbiamo già sentito durante gli anni di studio, ma laboratori, qualcosa di concreto che ci aiutasse a lavorare meglio con i nostri ragazzi. Invece la solita teoria, l’ennesima occasione mancata! Gli esami che dobbiamo affrontare, malgrado i tempi risicati, sono approfonditi e, richiedono lo studio dei testi scritti dagli stessi docenti.

Così, oltre al balzello alle università, il balzello per i libri, quasi sempre un taglia incolla, presi da testi non italiani.

Ciliegina sulla torta è l’exploit del Ministro che pensa di attribuire agli abilitati Tfa una bella manciata di punti, così sarà possibile sistemare i tieffini, la maggior parte provenienti dalle università stesse. Ricordo al Ministro che la scuola non è il supermercato, dove si regalano punti se acquisti il prodotto che ti suggerisco, che lo spirito del Ministro Profumo era quello di creare due percorsi uguali e paralleli, uno per chi aveva esperienza di insegnamento, l’altro per chi non l’aveva. Ora tutto è cambiato e viene premiato non il merito ma l’inesperienza. Complimenti Ministro, se Lei è il nuovo…

Mi ricorda molto lo stile Gelmini! Si preoccupi non di distribuire punti, ma di verificare quello che avviene nelle università in questi corsi Pas, dove nulla è come appare!

Con osservanza