Home Archivio storico 1998-2013 Personale Al via il programma di formazione continua “Pestalozzi”

Al via il programma di formazione continua “Pestalozzi”

CONDIVIDI
  • GUERINI
Il Consiglio d’Europa, come negli anni passati, mette a disposizione del personale dirigente e docente della scuola con contratto a tempo indeterminato un programma di formazione continua denominato “Pestalozzi”, che prevede la partecipazione a brevi corsi di aggiornamento organizzati dagli Stati membri, con durata dai 3 ai 5 giorni. 
La finalità del corso è quello di far conoscere ai partecipanti il sistema scolastico, i metodi di insegnamento ed i sistemi di formazione in uso nei differenti Stati organizzatori, oltre che ampliare i propri orizzonti culturali-professionali mediante lo scambio di idee, di informazione e di materiale didattico con i colleghi di altri Paesi.
La lingua di lavoro utilizzata durante i seminari è quella del paese ospitante, oppure l’inglese. Le spese di soggiorno (vitto e alloggio) e di iscrizione sono di solito a carico del Paese organizzatore. Le spese di viaggio dovranno essere anticiparìte dal corsista, ma sono a carico del Consiglio d’Europa o del Paese ospitante e verranno rimborsate secondo le modalità previste. 
Per presentare la propria candidatura, il personale dirigente e docente della scuola che svolga a scuola l’effettivo servizio proprio della relativa qualifica, dovrà far pervenire entro il 30 luglio 2012 ai rispettivi Direttori scolastici regionali una domanda in carta semplice corredata da un curriculum e debitamente vistata dal dirigente scolastico (per i docenti).
Alla domanda va allegata una certificazione ufficiale comprovante una buona conoscenza attiva e recettiva della lingua, o delle lingue che si dichiara di conoscere, rilasciata da istituzioni abilitate alla certificazione linguistica, con la specifica indicazione del livello di competenza posseduto dal candidato. I candidati laureati in lingue e letterature straniere sono esonerati dall’allegare tale certificazione.
Per ulteriori indicazioni si rinvia alla lettura della nota prot. n. 8719 del 25 maggio 2012