Home I lettori ci scrivono Alcune riflessioni sui pareri del CSPI

Alcune riflessioni sui pareri del CSPI

CONDIVIDI

Il CNPI ha espresso i suoi prescritti pareri sia sull’esame di stato del primo ciclo d’istruzione, sia sull’esame del secondo ciclo (ossia l’esame di maturità) che sulla valutazione, presentando dei rilievi che il Ministero di Viale Trastevere dovrà tenere conto, anche se non è vincolante.

Insomma in poche parole il CNPI, organo del Ministero dell’istruzione ha, a grandi linee sconfessato e messo i discussione alcune proposte che il Ministro Lucia Azzolina aveva in questi giorni avanzato su tutti i canali sociali. Si tratta, per la verità di pareri che tengono in debito conto la situazione emergenziale che la scuola italiana sta vivendo e che, di certo, non sta affatto offrendo serenità ai docenti, agli studenti e alle famiglie.

Icotea

È ormai da giorni che si attende l’uscita dell’ordinanza ministeriale che disciplina la chiusura di questo anno scolastico particolare le detta le condizioni per l’avvio dell’anno scolastico 2020/2021. Gli studenti e le famiglie pretendono chiarezza da parte del Ministero che stia gestendo questa fase dell’ultimo scorcio del corrente anno scolastico in modo confusionario. Si è ribadito più volte che l’esame di maturità si svolga in presenza anche se ANP sta affermando il suo dissenso affinché la prova orale della maturità si svolga in presenza nonostante siano stati confermati i prescritti protocolli di sicurezza. Staremo a vedere fino al prossimo 17 giugno cosa accadrà.

Adesso attendiamo la pubblicazione ufficiale delle ordinanze del Ministero dell’istruzione per capire come le scuole italiane devono muoversi per le operazioni di scrutinio finale e degli esami conclusivi del corrente anno scolastico.