Home Attualità Alunne contro la DaD, i docenti le bacchettano: state violando la legge,...

Alunne contro la DaD, i docenti le bacchettano: state violando la legge, non vi potete collegare da fuori scuola

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Non è stato sola la dirigente scolastica del vicino liceo Gioberti di Torino a produrre una comunicazione ufficiale, affinché non si ripetessero situazioni come quella delle 12enni Anita e Lisa della media ‘Italo Calvino’ che hanno protestato contro la Dad seguendola da fuori scuola anziché da casa: anche lo staff e i docenti dell’Istituto comprensivo ‘Niccolò Tommaseo’ di Torino, che fa parte dello stesso istituto delle due giovani, hanno preso posizione contro.

La lettera dei prof: violata la legge

“Care Anita e Lisa, scriviamo da educatori e da insegnanti di quella scuola in presenza che tutti amiamo e per la quale lottiamo ogni giorno”: inizia così la missiva dei docenti.

I prof dell’istituto sostengono che le due studentesse con la protesta in strada contro la DaD hanno di fatto “violato una disposizione di legge anteponendo pericolosamente i vostri diritti a quelli di tanti altri che come voi, come tutti noi, in questo momento difficile stanno combattendo lontano dai riflettori ed in silenzio, accettando ciò che lo Stato e le sue leggi, garanzia della democrazia, ci impongono”.

ICOTEA_19_dentro articolo

Siamo per “il rispetto delle regole”

“ll nostro senso di responsabilità – prosegue la lettera firmata dai docenti del ‘Tommaseo’ – affonda le sue radici nella consapevolezza che la nostra società civile si regge su delle regole necessarie alla convivenza ed in questo momento così drammatico. L’unico modo che abbiamo per superare questa crisi è proprio il rispetto delle regole”.

A pensarla allo stesso modo è anche la dirigente scolastica Lorenza Patriarca, che è anche consigliera comunale del Pd: la preside ha dichiarato all’agenzia di stampa Ansa che “è giusto manifestare il proprio dissenso, ma non violando una norma pensata per proteggere tutti e che funziona solo e nella misura in cui tutti la rispettano”.

Preparazione concorso ordinario inglese