Home Attualità Arriva Salvini per un comizio: scuole chiuse a San Giuseppe Vesuviano

Arriva Salvini per un comizio: scuole chiuse a San Giuseppe Vesuviano

CONDIVIDI
  • Credion

Succede anche questo a San Giuseppe Vesuviano.

Il sindaco della cittadina campana, Vincenzo Catapano, ha disposto la chiusura delle scuole per lunedì 6 maggio a causa di un comizio in piazza che sarà tenuto dal leader della Lega, Matteo Salvini.

Icotea

Nell’ordinanza emanata dal primo cittadino di San Giuseppe Vesuviano si parla di “scuole chiuse” dalle ore 13.00. Dunque pare che le attività didattiche siano comunque salvaguardate, ma gli edifici scolastici rimarranno chiusi nel pomeriggio.

“Siamo ben oltre l’immaginabile: troviamo di una gravità esponenziale che gli alunni perdano un giorno di scuola, in un periodo cruciale dell’nno scolastico, per permettere ad un politico di parlare in piazza. Qualora sussistano dei motivi di ordine pubblico sarebbe buona norma spostare l’evento in un altro luogo, al chiuso, in modo da ridimensionare l’impiego delle forze dell’ordine. Ci pare eccessivo, inoltre, il tenore della misura, tenendo conto che il comizio si terrà alle 20, a distanza dell’orario di uscita degli studenti dalle scuole”, afferma il consigliere regionale ambientalista Francesco Borrelli.

200 giorni di attività didattica

Come prevede il comma 3 dell’art. 74 del decreto legislativo n. 297 del 16 aprile 1994, la regolarità dell’anno scolastico è fissata in almeno 200 giorni di lezione.

Tuttavia, la circolare Miur sopra citata del 22 febbraio 2012, specifica che “al verificarsi di eventi imprevedibili e straordinari come un’allerta meteo che inducano i Sindaci ad adottare ordinanze di chiusura delle sedi scolastiche, si deve ritenere che è fatta comunque salva la validità dell’anno scolastico, anche se le cause di forza maggiore, consistenti in eventi non prevedibili e non programmabili, abbiano comportato, in concreto, la discesa dei giorni di lezione al di sotto del limite dei 200, per effetto delle ordinanze sindacali di chiusura delle scuole”.

Pertanto, non c’è nulla da recuperare in caso di chiusura delle scuole causa allerta meteo o simili circostanze, anche se si dovesse sforare il limite dei 200 giorni di attività didattica.

Numero di assenze

La normativa vigente prevede che “ai fini della validità dell’anno scolastico, compreso quello relativo all’ultimo anno di corso, per procedere alla valutazione finale di ciascuno studente, è richiesta la frequenza di almeno tre quarti dell’orario annuale personalizzato”.

Non vengono considerate come ore di assenza quelle dovute a:

motivi di salute adeguatamente documentati (ricovero ospedaliero o cure domiciliari, in forma continuativa o ricorrente); day hospital e visite specialistiche (documentate da relativa attestazione di presenza presso presidio sanitario);

terapie e/o cure programmate;

donazioni di sangue;

partecipazione ad attività sportive e agonistiche organizzate da federazioni riconosciute dal Coni; partecipazione ad attività organizzate ed autorizzate dalla scuola, compresi i Giochi Sportivi Studenteschi;

motivi religiosi debitamente documentati.

Sono considerate come ore di assenza secondo il numero delle ore giornaliere di lezione:

entrate in ritardo alla seconda ora e uscite in anticipo, anche se giustificate da un genitore e autorizzate sul libretto delle assenze dalla dirigente scolastica o dai suoi collaboratori;

assenze collettive;

assenze dalla scuola nel caso di non partecipazione a viaggi d’istruzione, visite guidate e attività organizzate in orario curriculare.

Mancato conseguimento limite minimo di frequenza

Ai sensi dell’art. 14 comma 7 del Regolamento 122/2009il mancato conseguimento del limite minimo di frequenza obbligatoria comporta l’esclusione dallo scrutinio finale e la non ammissione alla classe successiva o alla maturità.

Le istituzioni scolastiche possono stabilire, per casi eccezionali, analogamente a quanto previsto per il primo ciclo, motivate e straordinarie deroghe al limite.

Tale deroga è prevista per assenze documentate e continuative, a
condizione, comunque, che tali assenze non pregiudichino, a giudizio del consiglio di classe, la possibilità di procedere alla valutazione degli alunni interessati.

Il mancato conseguimento del limite minimo di frequenza, comprensivo delle deroghe riconosciute, comporta l’esclusione dallo scrutinio finale e la non ammissione alla classe successiva o all’esame finale di ciclo.

La competenza a stabilire le deroghe è del Collegio Docenti, a condizione che le assenze complessive non pregiudichino la possibilità di procedere alla valutazione stessa.

Tali circostanze sono oggetto di accertamento preliminare da parte del consiglio di classe e debitamente verbalizzate.