Home Alunni Asili nido solo per il 24% dei bimbi: lo dice l’Istat

Asili nido solo per il 24% dei bimbi: lo dice l’Istat

CONDIVIDI

Sulla base del rapporto Istat sugli asili nido e i servizi educativi per l’infanzia, i posti disponibili  negli asili nido coprono appena il 24% del fabbisogno per i bimbi residenti sotto i 3 anni. Dunque siamo lontani dal parametro del 33% fissato dalla Ue.

Eterogenea poi sia la spesa che i servizi sul territorio, con la consueta distanza negativa del Sud, che limita fortemente la già scarsa partecipazione delle donne al mercato del lavoro.

Variazione di posti a livello nazionale

A livello nazionale, i posti disponibili negli asili nido variano da un minimo del 7,6% dei potenziali utenti in Campania a un massimo del 44,7% in Valle D’Aosta, mentre la dotazione di servizi penalizza i comuni più piccoli rispetto ai capoluoghi di provincia.

ICOTEA_19_dentro articolo

I piccoli comuni penalizzati

Inoltre, a livello di spesa media dei comuni si passa da un minimo di 88 euro l’anno per un bambino residente in Calabria a un massimo di 2.209 euro l’anno nella Provincia Autonoma di Trento. Nell’anno scolastico 2016/17 sono stati censiti 13.147 servizi socio-educativi per l’infanzia e i posti autorizzati sono stati circa 354mila, pubblici in poco più della metà dei casi.

Sempre secondo l’Istat, a partire dall’anno scolastico 2011/12 si registra un calo dei bambini iscritti nei nidi comunali e convenzionati con i comuni e dal 2012 si riducono anche le risorse pubbliche disponibili sul territorio.

Il calo degli utenti riguarda principalmente i nidi comunali gestiti direttamente, mentre aumentano le gestioni affidate ai privati, dove i costi medi per bambino a carico dei comuni sono decisamente più bassi.

CONDIVIDI