Home Personale Attività di debate per favorire il cooperative learning e la peer education

Attività di debate per favorire il cooperative learning e la peer education

CONDIVIDI

A giugno 2019 si è conclusa la prima Debate Academy Italiana, ospitata nella suggestiva cornice di Villa Bassetti, a pochi passi dall’eremo di Santa Caterina del Sasso, a Leggiuno (VA).

Un’esperienza di arricchimento per i 23 partecipanti che nel corso della prima settimana hanno alternato attività di debate in lingua inglese, ad un corso di vela a Laveno.

A seguire altri 25 studenti li hanno raggiunti per partecipare a loro volta a sessioni formative in lingua italiana, Anche in questo caso per i ragazzi è stato possibile alternare i momenti d’aula con i corsi di vela.

ICOTEA_19_dentro articolo

L’Academy, durata complessivamente dal 17 al 28 di giugno, ha accolto allievi provenienti da tutta Italia, dando loro l’opportunità di approfondire la disciplina del debate nel solco delle esperienze che in tanti paesi del mondo sono oramai ricorrenti e consolidate.

A tal riguardo si ricorda che la metodologia didattica chiamata debate consiste in un confronto nel quale due squadre (composte ciascuna di due o tre studenti) sostengono e controbattono un’affermazione o un argomento dato dall’insegnante, ponendosi in un campo (pro) o nell’altro (contro). Gli argomenti da disputare possono essere vari, sia di natura curriculare che extracurriculare.

Il debate (dibattito) quindi è una metodologia che permette di acquisire competenze trasversali (life skill) e curricolari, smontando alcuni paradigmi tradizionali e favorendo il cooperative learning e la peereducation, non solo tra studenti, ma anche tra docenti e tra docenti e studenti.