Home Archivio storico 1998-2013 Generico Aula magna intitolata ad Alexander Langer

Aula magna intitolata ad Alexander Langer

CONDIVIDI
  • Credion

Alexander Langer aveva partecipato sei anni fa ad un incontro che si era tenuto al Liceo scientifico “Alvise Cornaro”, parlando dell’Europa e del conflitto nella ex Jugoslavia, un problema che Langer conosceva in profondità e si impegnava a portare con passione all’attenzione dell’opinione pubblica.
Il volume “Il viaggiatore leggero” (pubblicato da Sellerio nel 1996) prende spunto anche dal contesto di quell’incontro, che peraltro ha fatto avviare al liceo scientifico veneto una serie di iniziative di studio e di approfondimento sfociate nel 1998 in uno scambio educativo con un liceo di una città della Bosnia Erzegovina.
Per la scuola superiore di Padova, dunque, intitolare l’Aula magna ad Alexander Langer non è stato un atto di formale commemorazione, ma vuole essere un contributo per la costruzione di una memoria che diventa progetto per un futuro “amico”, nell’impegno quotidiano per educare le giovani generazioni ad uno stile di vita e di cultura definito “più lento, più profondo e più dolce”.
Durante l’incontro del 10 marzo scorso si è parlato dell’attualità politica del pensiero di Alexander Langer e della Fondazione “A. Langer” Stiftung ed è stata presentata l’opera dell’insegnante Cristina Fanti dedicata a Langer. Nel corso dell’incontro, promosso anche dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova, sono stati inoltre proiettati i video prodotti dalla Rai di Bolzano e dal TamTeatroMuisica di Padova ed è stato presentato il Cd-Rom edito dal Movimento Nonviolento di Verona.
Maggiori informazioni sull’iniziativa possono essere richieste attraverso il seguente indirizzo di posta elettronica: [email protected]
All’iniziativa hanno dato il proprio sostegno la “Fondazione Choros” (sito internet www.choros.it), onlus che opera a servizio della crescita globale dell’uomo (promuovendo, anche attraverso la ricerca applicata e la formazione, l’economia sociale e la finanza etica), e la “Banca Etica” (sito internet www.bancaetica.com), che promuove lo sviluppo dell’economia solidale (attraverso il sostegno finanziario a progetti sociali che si propongono la riduzione del disagio delle fasce deboli della popolazione, la salvaguardia dell’ambiente, la cooperazione con i Paesi poveri del mondo).