Home Attualità Azzolina e Conte si sostengono a vicenda. Linea comune della riapertura scuole

Azzolina e Conte si sostengono a vicenda. Linea comune della riapertura scuole

CONDIVIDI
  • Credion

La Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina e il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte continuano a sostenersi reciprocamente. La linea della riapertura scuole è tutta politica, come lo stesso Premier ha rivendicato nel suo discorso alla Camera in vista della fiducia.

E anche ieri, 19 gennaio, al Senato, il Premier ha ribadito la propria posizione sulla riapertura delle scuole: “Adesso stanno rientrando in classe gli alunni delle scuole superiori, sebbene la curva epidemiologica ci preoccupi, ma la scuola è di tutti, e dunque cercheremo di continuare a impegnarci per una didattica in presenza.”

Icotea

Azzolina su Twitter

La Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ricambia il sostegno, e sui social, in merito al successo del Presidente prima alla Camera, poi al Senato, afferma:

La fiducia ottenuta dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte alla Camera dei Deputati è un segnale importante. Perché in una fase così delicata per il Paese, a causa dell’emergenza sanitaria, la politica deve garantire serietà, stabilità e continuità.

Anche al Senato ieri hanno prevalso il buon senso e la necessità di dare risposte urgenti al Paese. Al lavoro senza sosta per studenti, famiglie e personale scolastico.

La Camera dei deputati

Intanto la Camera dei Deputati si è rimessa in moto proprio sull’argomento della riapertura delle scuola e sempre sui social dichiara:

E’ all’esame dell’Assemblea della Camera il D.L. 172/2020 (A.C. 2835-A) che detta disposizioni e misure di vario contenuto: esso è finalizzato a rafforzare le misure per il contenimento del contagio da Covid-19, nonché a disciplinare la progressiva ripresa dell’attività scolastica in presenza, a regolare la manifestazione del consenso al trattamento sanitario del vaccino anti Covid-19 per i soggetti incapaci ricoverati presso strutture sanitarie assistite, e a prevedere la concessione di un contributo a fondo perduto ai soggetti titolari di partita IVA che svolgono attività prevalente nei settori dei servizi di ristorazione.

Il provvedimento riproduce in parte le misure già previste dal D.L. n. 158/2020 per il periodo delle festività natalizie (A.C. 2812), e le disposizioni contenute nel D.L. n. 1/2021, decreti che vengono conseguentemente abrogati. Il decreto-legge si compone di 8 articoli e di un allegato.

LEGGI ANCHE