Home Attualità Bambini ucraini in Italia, Giannelli (Anp): scuole e prof sono pronti, ma...

Bambini ucraini in Italia, Giannelli (Anp): scuole e prof sono pronti, ma serve l’aiuto di mediatori linguistici e culturali

CONDIVIDI

“La ricaduta del dramma ucraino comincia a farsi sentire sulle scuole”, ma la situazione è sotto controllo: così Antonello Giannelli, presidente dell’Associazione nazionale presidi, riguardo l’arrivo in Italia dei primi alunni e studenti di nazionalità ucraina, fuggiti dal loro Paese sotto attacco delle truppe russe.

Nel Nord-Est già diversi arrivi

“Sebbene i numeri dei flussi in entrata siano noti solo alle Prefetture, abbiamo contezza del fatto che molte scuole, soprattutto nelle regioni del Nord-Est, sono alle prese con la prima accoglienza di bambini e ragazzi che fuggono dalla guerra”, ha detto Giannelli all’Adnkronos.

Icotea

Secondo il numero uno dell’Anp, comunque, non vi sono “difficoltà particolari” nell’integrazione dei piccoli profughi ucraini, anche da parte dei docenti: “ci giungono racconti di accoglienza e di grande disponibilità non solo da parte del personale ma anche di intere comunità”.

L’inclusione è il nostro fiore all’occhiello

Nulla di nuovo, però: “Non ci sorprende – dice Gianelli – perché le pratiche inclusive sono uno dei fiori all’occhiello della scuola italiana”.

C’è però molto da fare: “Certamente occorrerà curare, in collaborazione con gli enti locali e le associazioni, la mediazione linguistica e culturale, l’accoglienza scolare, l’alfabetizzazione. Ma la scuola italiana, anche in questa occasione, c’è”, sottolinea il dirigente.

Nessun vincolo

Da un punto di vista burocratico, non esistono vincoli, assicura il sindacalista dei presidi, perché “le procedure di iscrizione possono intervenire in qualunque momento dell’anno, ovvero quando essi arrivano in Italia. La nuova emergenza, non sta cogliendo impreparate le scuole”.

E ancora: “Molte di esse, infatti, sono già abituate, specie in alcuni territori ad accogliere gli alunni stranieri che arrivano in Italia a seguito degli eventi drammatici dei loro paesi di provenienza.

“Si pensi – conclude il presidente Anp – alle regioni che da anni, nel silenzio mediatico, accolgono i minori giunti in Italia sui barconi o quelli provenienti da altri scenari bellici”.

iscriviti

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook