Home Attualità Bianchi: la scuola del futuro è in presenza. Gli insegnanti hanno lavorato...

Bianchi: la scuola del futuro è in presenza. Gli insegnanti hanno lavorato sempre

CONDIVIDI
  • GUERINI

“In presenza o a distanza la scuola non si è mai fermata. I nostri insegnanti non hanno mai smesso di lavorare”. Torna sull’argomento della DaD il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, intervistato da Famiglia Cristiana. “Capisco molto bene le preoccupazioni delle famiglie e della comunità scolastica, e saremo al loro fianco”.

Ne aveva parlato anche nei giorni scorsi, come riferiamo in un articolo precedente. Chiudere nuovamente è una scelta dettata dalla responsabilità cioè agendo senza aver paura ma “preparandosi a ogni evenienza per riuscire tutti, non uno di meno, a passare la terza ondata” anche perché “siamo di fronte a un’ondata di piena. La variante inglese, che è dominante, non risparmia i nostri bambini. E noi dobbiamo tutelarli prima di tutto. In rosso va tutta la comunità che si mette in allerta per riuscire a superare la piena”.

Icotea

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook

La scuola del futuro che sarà senza dubbio in presenza,” afferma il ministro, sottolinenado che nei mesi della pandemia i docenti non si sono risparmiati e non hanno perso tempo. ” continua: la scuola “deve usare e insegnare a usare tutti gli strumenti ai nostri ragazzi che comunque vivono tutto il giorno immersi nella comunicazione digitale”.

Dispersione scolastica

E sulla dispersione scolastica: “Già prima avevamo numeri sulla dispersione inaccettabili, soprattutto al Sud. È un problema che va affrontato nella totale unità del Paese”.

Per questa e per altre situazioni di fragilità il Ministro fa un appello al mondo del volontariato “perché si metta a disposizione della nostra comunità e delle nostre scuole per accompagnarle anche in questa fase”.

Calendario scolastico

Infine, sul tema del prolungamento dell’anno scolastico e del calendario Bianchi ricorda che “non è un problema di allungamento, ma di potenziamento e di recupero della socialità. Il tema, quindi, non sono le ore, ma i contenuti. Stiamo ragionando su come creare un ponte tra questo e il prossimo anno con la fiducia e la tranquillità di tutti”.

LEGGI ANCHE