Home Alunni Bocciato il “venditore di merendine”

Bocciato il “venditore di merendine”

CONDIVIDI

Il consiglio di classe ha respinto l’alunno venditore di merendine della scuola “Pininfarina” di Moncalieri nel torinese.

Malgrado il giovane abbia ricevuto il Premio Einaudi (500 euro) per la sua intraprendenza, è stato bocciato e non per cagione della condotta ma per il rendimento complessivo.

Icotea

Per qualche osservatore tuttavia la bocciatura appare legata, ma è tutto da dimostrare, a un sorta di  punizione moralistica da parte di un’istituzione, “la scuola, che non sembra far nulla per incoraggiare i nostri figli ad affrancarsi da quel mammismo secchione e libresco che nella vita alla fine risulta spesso perdente”.

 

{loadposition carta-docente}

 

La bocciature darebbe ragione, specificano i detrattori, “a chi pensa che se Bill Gates fosse nato in Italia il garage in cui avrebbe potuto nascere la Microsoft sarebbe stato chiuso dai Nas”.