Home Attualità Bussetti, nomine dei super dirigenti. Se il Pd va al Governo le...

Bussetti, nomine dei super dirigenti. Se il Pd va al Governo le sospenderà: decenza zero, poltrone a mille!

CONDIVIDI

La notizia delle nomine fatte in zona “cesarini” dal ministro Marco Bussetti per coprire alcuni posti vacanti di direttore generale, pubblicata dalla Tecnica della Scuola, ha fatto molto “rumore”. Anche a livello politico: ad alzare la voce, chiedendo chiarezza, è in particolare il Partito Democratico, che allarga il discorso anche a nomine attuate, sempre sul filo di lana, presso altri diicasteri.

Il senatore Stefàno (Pd) cita anche il ministro Centinaio

Il senatore Dario Stefàno, vicepresidente Dem a Palazzo Madama, ha scritto su twitter il 25 agosto: Gian Marco “Centinaio (ministro delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo n.d.r.) ha nominato il DG di Agea a Ferragosto, in piena crisi di governo. Bussetti, oggi, va oltre: nomina un super dirigente con il governo dimissionario. C’è chi è nelle Istituzioni per servire e chi si serve delle Istituzioni. Decenza zero! Poltrone a mille!”.

L’onorevole Ascani (Pd): dovremo verificare se è stato fatto tutto in regola

Poco dopo, è la volta dell’onorevole Anna Ascani, vicepresidente del Pd e capogruppo dem in commissione Cultura alla Camer: “Se il nuovo Governo appoggiato dal Pd riuscirà a nascere – dice Ascani su facebook -, tra i primi atti dovrà almeno sospendere le discusse nomine del ministro Bussetti e verificare se sia stato fatto tutto secondo le regole”.

ICOTEA_19_dentro articolo

“Se rispondesse al vero che una dirigente ritenuta molto vicina del ministro è stata promossa in sospetto conflitto di interessi – conclude Ascani – peraltro proprio negli ultimi giorni del mandato, saremmo di fronte ad un caso gravissimo e ad uno schiaffo a tutto il mondo della scuola”.

La difesa del Miur

Ricordiamo, per correttezza, che le nomine al momento risultano al vaglio delle Corte dei Conti. Inoltre, dal ministero dell’Istruzione è stato precisato che l’iter di riorganizzazione generale degli Usr è partito in tempi non sospetti, ad inizio aprile 2019, quindi precedenti alla crisi di Governo.

Inoltre, sempre da Viale Trastevere, sostengono che si è arrivati a chiedere di coprire i posti vacanti come direttore generale solo qualche settimana fa, proprio per permettere a tutti i candidati di presentare la domanda di accesso. E, comunque, i provvedimenti di nomina risultano precedenti all’inattesa caduta del governo giallo-verde.