Home Attualità Clamoroso al Miur: cambia il viceministro. Giuliani al posto di Giuliano

Clamoroso al Miur: cambia il viceministro. Giuliani al posto di Giuliano

CONDIVIDI

Cambio di guardia al Miur. Nel senso non della guardia armata al portone della Minerva, ma di cambio del sottosegretario all’Istruzione.

Giarrusso a seconda ch’avvinghia

Il ministro Marco Bussetti infatti, spulciando bene le carte, ma su segnalazione puntuale e fiscalista del pentastellato, ed ex Iena televisiva, Dino Giarrusso, nominato, come si ricorderà, proprio col compito di verificare, “a seconda ch’avvinghia”, gli svarioni della Pubblica amministrazione, ha scoperto che all’atto della designazione a sottosegretario, all’interno del  suo dicastero, del prof Salvatore Giuliano, si è verificato un madornale e inqualificabile errore.

Giuliani con la “i”

Infatti, nella fretta di definire la compagine di governo, e avendo i due nuovi partiti  alleati, Lega e M5Stelle, il fiato sul collo di molti altri papabili, non si è fatto caso, né qualcuno lo ha fatto presente, né qualche altro si è inalberato o spifferato male parole, che la nomina alla delicata carica di viceministro non riguardava Salvatore Giuliano, preside di un Istituto pugliese, ma si riferiva invece al nostro Alessandro Giuliani, direttore della Tecnica della Scuola.

ICOTEA_19_dentro articolo

“Vedete che potenza può avare una semplice vocale?”, ha precisato Marco Bussetti, interpellato dai numerosi giornalisti durante la conferenza stampa tenutasi poco fa nelle stanze della Presidenza del Consiglio a Roma.

Colpa della burocrazia

Infatti, ha poi continuato: “Tutta la nostre intenzioni erano rivolte a dare questo incarico di viceministro del Miur a Giuliani Alessandro e non a Giuliano Salvatore il quale, dunque, ritorna alle sue normali occupazioni di dirigente scolastico a Brindisi. Al suo posto il legittimo e valente designato, e a cui sempre abbiamo pensato, sia come movimento politico, sia come dicastero e sia come veramente esperto delle cose della scuola, a cominciare dai suoi brillanti articoli sul famoso giornale online. Mi scuso dunque  con tutti il personale della scuola – ha continuato il Ministro – ma una “o” al posto di una “i”, non può inficiare tutti i progetti che noi abbiamo in mente sul corretto andamento dell’istruzione nel nostro Paese.

Una vocale

Una semplice vocale è troppo misera cosa per rallentare o bloccare, addirittura, le riforme che abbiamo sul tavolo del Governo. Dunque, Alessandro Giuliani sarà il nuovo sottosegretario. La burocrazia ha sbagliato e allora guai al burocrate che intendesse togliermelo. Per parte mia, desidero porgere i migliori auguri a Giuliani di buon lavoro, assegnandogli la scrivania propria accanto alla mia, braccio a braccio e coscia a coscia. Le sue competenze sono infatti indispensabili per il corretto andamento del Miur e per mia stessa sapienza”.

Come è comprensibile, questa improvvisa presa d’atto dell’errore, incredibile in vero dopo quasi un anno dalla nomina di Salvatore Giuliano, ha messo in subbuglio il Movimento 5Stelle che da sempre aveva puntato sul preside pugliese, proponendolo addirittura alla più alta carica di Ministro dell’Istruzione prima ancora di formare il Governo con la Lega.

Nuovo direttore a La Tecnica

Se Luigi Di Maio, e parte dello staff pentastellato di Governo, si sente imbarazzato, c’è invece grande soddisfazione in giro tra i corridoi della redazione catanese della Tecnica, mentre già incominciano a fare capolino i nomi dei possibili direttori della testata giornalistica. In pole position l’esperto di legislazione, Lucio Ficara, ma altri ancora si contendono il posto. A giorni infatti la direttrice editoriale, Daniela Girgenti, comunicherà il nominativo con una fumata particolare proveniente dalle sue sigarette che imperterrita continua ad accendersi nella sua stanza.