Home Generale Classi pollaio in provincia di Viterbo, interviene la Flc Cgil

Classi pollaio in provincia di Viterbo, interviene la Flc Cgil

CONDIVIDI

Nella provincia di Viterbo, per quanto riguarda gli organici e la formazione delle classi, si sono costituite in alcuni Istituti delle vere e proprie classi pollaio. In buona sostanza non sono stati rispettati i parametri di alunni per classi stabili dalla circolare sugli organici. A tal riguardo è intervenuta la Flc Cgil di Roma Nord-Civitavecchia-Viterbo, con un comunicato firmato dal Segretario Generale Alessandro Tatarella.

Comunicato della Flc Cgil di Viterbo

La  FLC CGIL Civitavecchia-Roma Nord-Viterbo, denuncia l’ennesimo caso di sovraffollamento negli istituti del territorio laziale.

“Da quanto si apprende, in alcuni istituti della provincia di Viterbo non sono stati rispettati i limiti di alunni stabiliti dalla circolare ministeriale n. 1604 del 29 marzo 2019. Le scuole interessate sono l’ITT Leonardo Da Vinci, dove è stata formata una prima superiore con 32 alunni di cui 3 diversamente abili, l’IC Andrea Scriattoli di Vetralla in cui una classe sarà composta da 27 alunni di cui 2 disabili, mentre a Tuscania una classe conterà 31 alunni di cui 2 con handicap. Infine c’è il caso – grave ed emblematico – dell’IISS Francesco Orioli di Viterbo dove in una classe si arriverà a 39 studenti, di cui 5 diversamente abili.  Siamo sconcertati e preoccupati dai casi segnalati. Ancora una volta ci troviamo di fronte a classi pollaio, dove la qualità dell’istruzione e la possibilità di un apprendimento paritario tra tutti gli studenti non sono garantiti. Tutto questo è inaccettabile.” 

ICOTEA_19_dentro articolo

“La FLC CGIL Civitavecchia-Roma Nord-Viterbo è ferma nel ribadire che il MIUR deve garantire il diritto all’istruzione, come sancito dalla Costituzione, fornendo a tutti i docenti la possibilità di svolgere al meglio il proprio ruolo, guardando innanzitutto alle esigenze delle studentesse e degli studenti: avere una istruzione pubblica di qualità in ambienti dove dev’essere salvaguardata la sicurezza degli studenti e di tutto il personale.”

“Una classe composta da 39 studenti non può garantire questi obbiettivi. Chiediamo al ministero di far fronte a quella che ormai è una patologia cronica del sistema di istruzione pubblico, attraverso l’espletamento dei concorsi ordinari del 2016 e del 2018 e l’immediata applicazione del Decreto sulla scuola approvato dal Consiglio dei Ministri del 6 agosto 2019 e il conseguente sblocco dei concorsi straordinari previsti dal Decreto in seguito all’accordo firmato il 24 aprile scorso dai sindacati della scuola e il Governo che interesserebbe una platea di almeno 55 mila docenti.”

 

CONDIVIDI