Home Alunni Coding, le basi della programmazione si insegnano giocando coi Lego

Coding, le basi della programmazione si insegnano giocando coi Lego

CONDIVIDI

Imparare le basi della programmazione informatica giocando. Quello che sembrava un sogno, oggi è veramente possibile, grazie ad una nuova applicazione lanciata da Apple.

Si chiama “Swift Playgrounds”. Attraverso una nuova release, appena rilasciata, è possibile infatti attuare il cosiddetto coding e gestire in modo semplice alcuni dei più famosi smart toys presenti sul mercato.

Icotea

Come i droni Parrot, Sphero SPRK+, la versione programmabile della magica sfera rotolante, Skoog, il cubo tattile e altri robot meno noti il kit MeeBot Jimu Robot di UBTECH e Dash di Wonder Workshop. Tutto è già pensato per gli studenti delle elementari confezionato e pronto all’uso.

Ma la vera sorprendente novità è che grazie alla partnership con la Lego è possibile gestire un packet completo di sensori e di piccoli pezzi technics che consentono di costruire dei veri robot.

Il DDAY ha provato uno di questi Kit (qui l’articolo completo): il linguaggio di programmazione è lo stesso Switft che è alla base dei programmi IOS, ovviamente trasformata in gioco per consentire ai bambini di viverla come esperienza positiva, pur mantenendo intatti i concetti base della programmazione stessa.

Sembra, almeno dai racconti di chi lo ha provato, che sia molto semplice seguire le varie sessioni e cominciare a programmare l’hardware.

L’unico problema è rappresentato dal fatto che al momento tutti i moduli di apprendimento sono in lingua inglese, serve pazienza da parte dell’insegnante per aiutare nella traduzione gli studenti.

Il modulo per la programmazione di un robot richiede l’hardware necessario: Swift Playgrounds è gratuito, ma ovviamente non lo sono né l’iPad e neppure il Lego Mindstorm EV3, kit bellissimo dal costo però non indifferente di 349 euro.

Inoltre, il prodotto Lego, così come riportano le testimonianze di chi l’ha provato, è molto flessibile: perché, oltre ad essere un Lego a tutti gli effetti con moltissime soluzioni di montaggio, è anche programmabile in diversi linguaggi.

 

{loadposition carta-docente}

 

Come riporta DDAY, “si può partire con il classico Sketch o i vari programmi a blocchi, indicati dai 5/6 anni, passare a Swift Playgrounds dai 7 ai 10 anni e poi volendo anche Javascript, Ruby, Python e ogni altro linguaggio che viene in mente. Un investimento che dura nel tempo.”

È bene sapere, inoltre, che saper programmare è importante ma è fondamentale cominciare a farlo da giovani. Gli esperti sono convinti dei molti effetti positivi: aiuta la memorizzazione, l’intuito e stimola la fantasia.

È molto importante, quando si comincia da piccoli, far vivere questa esperienza sotto forma di gioco: il divertimento è un aspetto che non deve mai mancare per un bambino che approccia a questa tematica. Altrimenti, dicono gli esperti, non avrà i necessari stimoli per andare avanti.

Questo metodo che Apple e Lego stanno lanciando sul mercato, non è il solo disponibile. Ci sono tante altre soluzioni, di ogni tipo e destinate a giovani di tutte le età, e molte di queste sono altrettanto valide.

Di sicuro, è importante fornire ai bambini gli strumenti per imparare a programmare. Sia a casa che a scuola, per dare loro la possibilità di adottare una innovativa metodologia di apprendimento.

 

{loadposition facebook}