Collegio docenti e consigli d’Istituto: cosa c’è da sapere?

CONDIVIDI
  • Credion

Eccoci all’appuntamento settimanale con la rubrica “A domanda risponde” curata dal prof. Lucio Ficara, esperto di normativa scolastica. Una serie di risposte alle domande poste dai lettori sulle norme dei Collegi docenti e dei Consigli di Istituto”.

DOMANDA n. 1

Icotea

Quali sono le norme per la convocazione, da parte del dirigente scolastico, di un Collegio docenti?

RISPOSTA

Ogni scuola, sulla base dell’autonomia scolastica, dovrebbe dotarsi di un preciso regolamento del Collegio dei docenti. In tale regolamento dovrebbero essere normate le disposizioni di convocazione del Collegio. Per un Collegio ordinario, quindi già disposto nel piano annuale delle attività, la circolare di convocazione è emanata dal dirigente scolastico con un anticipo di almeno cinque giorni di anticipo, mentre per un Collegio straordinario, non inserito nel piano annuale delle attività, nella circolare va “specificata” la straordinarietà e i motivi legati all’urgenza che ne determina la convocazione.

DOMANDA n. 2

Qual è l’organo collegiale che delibera i criteri per l’assegnazione dei docenti alle classi?

RISPOSTA

È utile sapere che per l’art.10, comma 4, del d.lgs. 297/94 il Consiglio di Circolo o di Istituto indica, altresì, i criteri generali relativi alla formazione delle classi, all’assegnazione ad esse dei singoli docenti, e  che per l’art.7, comma 2 lettera b), del d.lgs. 297/94 il Collegio dei docenti formula proposte al dirigente scolastico per la formazione, la composizione delle classi e l’assegnazione ad esse dei docenti, tenuto conto dei criteri generali indicati dal Consiglio di Circolo o d’Istituto.

DOMANDA n. 3

Qual è l’organo collegiale deputato ad approvare il piano triennale dell’offerta formativa?

RISPOSTA

Il piano triennale dell’offerta formativa è elaborato dal collegio dei docenti anche sulla base degli indirizzi per le attività della scuola definiti dal dirigente scolastico, tale piano è invece approvato, con voto di delibera, dal consiglio d’istituto.