Home Archivio storico 1998-2013 Personale Come l’ICT sta cambiando l’istruzione. Ma la cambierà?

Come l’ICT sta cambiando l’istruzione. Ma la cambierà?

CONDIVIDI

Riportiamo, così come l’abbiamo trovato su alcuni siti di industrie che si occupano di nuove tecnologie, questo studio secondo il quale nel futuro più prossimo, e in alcune realtà pare già in atto, ci sarà nelle nostre scuole una sorta di rivoluzione copernicana dell’intera didattica che dovrà fare i conti con gli Itc, acronimo di information and communication technology. 
Sembrerebbe opportuno sospendere il giudizio su questa materia, ma ogni indizio e ogni riferimento relativo alla implementazione universale degli Itc nella didattica e nel modo di insegnare portano direttamente alle nuove tecnologie, la cui corsa ad occupare il posto dei libri, delle penne e dei quaderni appare irrefrenabile e incontenibile; ma anche delle lavagne e forse pure dei banchi così come li conosciamo, cattedra compresa. 
E se il tracciato non lascia spazio a deviazioni accettabili e visibili, sembrerebbe saggio incominciare a prepararsi, e non solo per continuare a istruire bene i ragazzi, ma anche per riuscire a competere adeguatamente con chi queste nuove tecnologie ha iniziato a usare. E ci riferiamo alle altre Nazioni, europee e no, che hanno già imboccato questa strada.

L’ICT modifica sensibilmente l’organizzazione delle attività scolastiche e alcuni studi di società del settore individuano le 6 aree più toccate dall’introduzione dell’ICT nelle scuole: 3 che riguardano lo spazio fisico e 3 che riguardano i comportamenti degli utenti.
La premessa generale riguarda la constatazione, documentata, che oggi l’85% della popolazione mondiale ha accesso alle comunicazioni mobili, mentre entro il 2020 sono previsti 50 miliardi di dispositivi connessi e 3,5 miliardi di nativi digitali, pari a circa il 50% della popolazione.
1) Strumenti: cambiano i mezzi con cui si accede ai contenuti scolastici, poiché gli studenti sempre più spesso portano a lezione i propri smartphone, tablet e laptop.
2) Soluzioni tecnologiche: la connettività di rete e le soluzioni per la gestione dei contenuti, la comunicazione e l’interattività sono diventate determinanti per le scuole
3) Spazio di lavoro: i telefoni cellulari, i computer portatili e i tablet stanno rendendo obsoleto il banco di scuola così come lo conosciamo. Le scuole più moderne stanno rinnovando le aule scolastiche per renderle multifunzionali.
4) Metodo di lavoro: l’idea che gli studenti debbano svolgere un compito specifico in un momento preciso è una modalità di lavoro basata sui bisogni della società industriale. L’apprendimento basato su progetti diversi è più allineato con lo scenario attuale della società dell’informazione.
5) Relazioni: gli insegnanti sono e rimarranno una parte essenziale dell’educazione, ma il loro ruolo sta cambiando; il docente, infatti, grazie alle nuove modalità di apprendimento, si sta trasformando da “saggio sul palco” a “guida che sta al fianco dello studente” . Grazie alla tecnologia i genitori sono più coinvolti nel processo di apprendimento dei propri figli e hanno un contatto più diretto con insegnanti e dirigenti scolastici.
6) Competenze e conoscenza: la scuola prepara i giovani al futuro. Leggere, scrivere e fare calcoli aritmetici saranno sempre importanti, ma in un mondo dove è possibile accedere a informazioni, testi e a contenuti audio e video ovunque e in qualsiasi momento, agli studenti sono richieste competenze sempre nuove.
L’esperto in Comportamenti del Consumatore presso il ConsumerLab spiega: “L’apprendimento e l’istruzione stanno conoscendo una trasformazione senza precedenti. La nostra ricerca mostra come gli studenti e gli insegnanti più moderni, attraverso la tecnologia, siano al centro di questo cambiamento. L’ICT sta letteralmente abbattendo i muri dell’aula scolastica e dobbiamo guardare all’apprendimento come un processo che avviene ovunque e in qualsiasi momento. Con la Networked Society, l’ICT sarà sempre più indispensabile per acquisire conoscenza.”
Esperti di fama internazionale come Seth Godin, imprenditore e scrittore americano, Sugata Mitra, Professore di Educational Technology presso la School of Education, Communication and Language Sciences della Newcastle University, e Daphne Koller, Professore di Informatica presso la Stanford University, spiegano come l’ICT sta rivoluzionando l’istruzione e l’accesso alle informazioni. Si parla anche di come l’apprendimento e l’educazione si stiano spostando da un modello basato sulla memorizzazione e ripetizione, verso uno che si concentra sulle esigenze individuali e di auto espressione.
Gli elementi emersi dal report “Learning and Education in the Networked Society” derivano da studi e ricerche del ConsumerLab e interviste qualitative condotte su un campione di studenti e insegnanti nelle scuole delle città più avanzate dal punto di vista tecnologico, a livello globale.

Icotea