Home Sicurezza ed edilizia scolastica Compiti e competenze dell’addetto al Primo Soccorso in una scuola

Compiti e competenze dell’addetto al Primo Soccorso in una scuola

CONDIVIDI

L’addetto al primo soccorso deve essere una persona formata, con appositi corsi e aggiornamenti triennali che comprendono anche le nuove e diverse tipologie di infortuni che accadono.

Una formazione che dovrebbe, comunque, essere costante parallelamente al confronto con il Responsabile del servizio di Prevenzione e Protezione.

In una scuola i compiti dell’Addetto Primo Soccorso sono:

ICOTEA_19_dentro articolo
  • quando necessario effettuare una corretta chiamata di soccorso (numero unico di emergenza 112 o 118) seguendo successivamente le indicazioni dell’operatore della centrale e fornendo, con calma e in modo chiaro, tutte le informazioni sulle condizioni dell’infortunato; attendere le indispensabili istruzioni dalla centrale operativa senza riagganciare;
  • evitare azioni inconsulte e dannose, valutare l’ambiente ed eventuali rischi presenti;
  • proteggere se stessi e l’infortunato da ulteriori rischi;
  • non abbandonare il paziente; evitare attorno all’infortunato affollamenti di personale e studenti;
  • inviare, se del caso, una persona ad attendere l’ambulanza in un luogo facilmente individuabile
  • assicurarsi che il percorso per l’accesso della lettiga sia libero da ostacoli e che l’ambulanza possa arrivare fino a ridosso dell’atrio della scuola;
  • avvisare tempestivamente le famiglie degli studenti sia in caso di malessere leggero che di intervento del servizio di emergenza 118;
  • non somministrare mai farmaci di alcun tipo;
  • se richiesto dal personale del Servizio Sanitario di Emergenza, previo accordo con il DS/DSGA, accompagnare l’infortunato in ambulanza fino al pronto soccorso, seguendo le indicazioni fornite dal personale sanitario.
  • Segnalare all’Ufficio Tecnico eventuali carenze di presidi sanitari nella cassetta di PS in infermeria e nei pacchetti di medicazione presenti ai piani ed in palestra.
  • Conoscere i rischi specifici dell’attività svolta;
  • Aver acquisito conoscenze generali sui traumi in ambiente di lavoro;
  • Possedere nozioni generali sulle patologie specifiche in ambiente di lavoro;
  • Essere dotato della giusta dose di capacità nell’intervento pratico.