Home Attualità Concorsi digitali: la strada tracciata dai ministri Colao, Brunetta e Carfagna

Concorsi digitali: la strada tracciata dai ministri Colao, Brunetta e Carfagna

CONDIVIDI
  • Credion

La strada tracciata per il futuro è quella dei concorsi digitali. Abbandonare carta e penna, e velocizzare l’iter per le assunzioni del pubblico impiego, con l’obiettivo di arrivare alla piena cittadinanza digitale entro il 2026 (come auspica il ministro per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale Vittorio Colao). E’ l’idea del ministro della pubblica Amministrazione Renato Brunetta che vuole anche sbloccare i concorsi sospesi a causa della pandemia. Oggi, 26 marzo, l’incontro a Palazzo Chigi con il Cts.

Il primo passo sarà la selezione di 2800 tecnici per il Mezzogiorno, con bando pubblicato il 2 aprile. Il nuovo modello di concorsi digitali presenterà test a crocette e computer grazie all’intelligenza artificiale.

Le innovazioni riguardano la banda ultra-larga per tutte le famiglie, le scuole e i presidi sanitari, un Cloud sicuro della PA, l’identità digitale e la cybersicurezza.

Il rischio è però quello di avere una pubblica amministrazione troppo snellita negli organici, così il ministro Brunetta punta a sbloccare concorsi e indirne nuovi.

Il concorso per i tecnici del Sud “porterà non ad un rafforzamento degli organici nel Mezzogiorno – spiega la ministra per la coesione territoriale Mara Carfagnama personale selezionato per rispondere alle necessità degli interventi che saranno previsti nel Pnrr: ingegneri, analisti, esperti in progettazione e pianificazione, specialisti nella gestione di interventi complessi”.

Per Brunetta si tratta di un primo test per la rivoluzione nel reclutamento della pubblica amministrazione.

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook