Home I lettori ci scrivono Concorso Dirigenti scolastici: la fuga dei commissari

Concorso Dirigenti scolastici: la fuga dei commissari

CONDIVIDI

E come la mettiamo con la vicenda del concorso a Dirigenti Scolastici?

Le correzioni delle prove scritte dovrebbero terminare il 31 marzo prossimo e gli orali iniziare forse nel mese di aprile.

Icotea

In questi giorni stiamo assistendo ad un “balletto” di commissari che, puntualmente rinunciano alla nomina. E Gli Uffici Scolastici Regionali sono costretti a modificare le commissioni giudicatrici.

Con questo andazzo i “futuri” Dirigenti Scolastici potranno assumere servizio il 1° settembre 2019?

Chissà! Fatto sta che le rinunce in massa sono dovute a due fattori: l’esiguo compenso dei Presidenti e dei commissari che stanno correggendo le prove scritte e le “pressioni” che inevitabilmente giungono da più parti ai componenti delle commissioni giudicatrici e che “costringono” i commissari a rinunciare all’incarico di componente delle commissioni giudicatrici.

Insomma ne vedremo di belle.

Intanto il concorso a DS va avanti a singhiozzo, in attesa dei risultati finali e della inevitabile giungla dei ricorsi che ne deriverà.

Ormai in Italia si è capito che partecipare ad un concorso equivale ad avere un ricorso già pronto per vedersi riconosciuti i propri diritti.

Mario Bocola