Home Personale Contratti: Gilda chiede lo sblocco per la scuola

Contratti: Gilda chiede lo sblocco per la scuola

CONDIVIDI

Dopo la pronuncia della Corte Costituzionale, Gilda degli insegnanti lancia l’allarme in merito al blocco dei contratti del pubblico impiego.

“Si apra in tempi brevi la contrattazione per il comparto scuola, prevedendo adeguati incrementi stipendiali che non siano solo calcolati sul recupero dell’inflazione”, dichiara in un comunicato il sindacato.
“La pronuncia della Consulta – continua la Fgu-Gilda – mette in rilievo che i governi che si sono succeduti negli ultimi anni hanno deliberatamente leso i diritti fondamentali dei lavoratori pubblici imponendo il blocco dei contratti, delle progressioni stipendiali e della contrattazione sulla parte non solo stipendiale, ma anche normativa”.
Come indicato espressamente dal testo della sentenza, la Gilda sottolinea che: ‘il reiterato protrarsi della sospensione delle procedure di contrattazione economica altera la dinamica negoziale in un settore che al contratto collettivo assegna un ruolo centrale [..] il contratto collettivo si atteggia come imprescindibile fonte, che disciplina anche il trattamento economico, nelle sue componenti fondamentali ed accessorie e i diritti e gli obblighi direttamente pertinenti al rapporto di lavoro, nonché le materie relative alle relazioni sindacali’.
Il sindacato degli insegnanti rincara la dose e prosegue attaccando le riforme sulla scuola degli ultimi anni, specie quella de “La Buona Scuola” di Renzi, secondo Gilda fondata su elementi di oggettiva incostituzionalità: “Tutte le cosiddette riforme sulla scuola fatte negli ultimi anni, con particolare riferimento alla cosiddetta ‘Buona Scuola’, rappresentano inaccettabili forzature che hanno unilateralmente modificato le condizioni dei lavoratori della scuola e dei docenti, inserendo surrettiziamente premi al merito ed altri elementi accessori che dovevano essere oggetto di contrattazione nazionale”.
Nel comunicato Gilda continua citando nuovamente la pronuncia della corte: ‘in una costante dialettica con la legge, chiamata nel volgere degli anni a disciplinare aspetti sempre più puntuali, il contratto collettivo contempera in maniera efficace e trasparente gli interessi contrapposti delle parti e concorre a dare concreta attuazione al principio di proporzionalità della retribuzione, ponendosi, per un verso, come strumento di garanzia della parità di trattamento dei lavoratori e, per altro verso, come fattore propulsivo della produttività e del merito’.
L’auspicio del sindacato è quello di rimettere al centro dell’attenzione di tutte le istituzioni il contratto del pubblico impiego.

Icotea