Home Personale Controlli e telecamere, Turi (Uil Scuola): la scuola non è una caserma,...

Controlli e telecamere, Turi (Uil Scuola): la scuola non è una caserma, né un luogo di rieducazione

CONDIVIDI

Telecamere e nuovi sistemi di verifica della presenza: ancora una volta si considera il sistema scolastico un grande ufficio pubblico in cui svolgere atti e scartoffie burocratiche.

Il segretario generale della Uil Scuola, Pino Turi, torna su un tema quanto mai attuale e che sta facendo molto discutere, dopo il via libera della Commissione Lavoro del Senato e la prospettiva di imminente approdo in Aula del decreto Concretezza per il via libera definitivo.

Ancora una volta – osserva Turi – dobbiamo ricordare le specificità della scuola che con l’ultimo contratto ha rimesso al centro della propria azione i diritti degli alunni e delle famiglie, la comunità educante una comunità che funziona se vi sono riconosciute le peculiarità che le affida la funzione statuale e non se viene considerata un mero servizio pubblico. Un luogo di libertà e creatività quello della scuola che non può e non deve essere omologazione, ma volano di crescita civile”.

ICOTEA_19_dentro articolo

La scuola deve essere sottratta dalle logiche burocratiche e da quelle impiegatizie – aggiunge Turi, sottoponendo la questione all’attenzione delle forze politiche – va riaffermato chiaramente il ruolo degli insegnanti, professione che non si svolge in una struttura burocratica ma nella comunità scolastica.

Con i provvedimenti che si vorrebbero far passare si continua, invece, nel solco della legge ‘buona scuola’: si gerarchizza il lavoro come se si trattasse di una caserma o, nel caso delle telecamere un luogo di rieducazione”.

Si tratta, secondo il segretario Uil Scuola, di elementi repressivi che non solo non sono buoni esempi da fare vivere agli alunni ma sono in contraddizione con la legge che introduce l’educazione civica nella scuola. Perché, l’esempio è il migliore mezzo di istruzione ed educazione possibile.

In merito alla questione dei controlli biometrici, l’aver escluso solo i docenti dall’obbligo non è di per sé sufficiente, se dalla comunità si esclude il personale ATA e dirigenti scolatici che non svolgono solo azioni amministrative, ma anche educative.

Al tavolo, già convocato per il 14 maggio per affrontare i problemi della dirigenza scolastica, rivendicheremo, ancora una volta, il vero ruolo del dirigente scolastico che non è di natura amministrativa, ma politico gestionale. Purtroppo – rilancia Turi –  stiamo pagando scelte sbagliate che stanno restringendo la funzione dirigenziale della scuola nell’angusto recinto della burocrazia amministrativa, che poco o nulla ha a che fare con la funzione del dirigente scolastico, che deve dare conto alla sua comunità e alla funzione educativa che ne è alla base”.

CONDIVIDI