Home I lettori ci scrivono Cultura scientifica e creato: qual è il nesso?

Cultura scientifica e creato: qual è il nesso?

CONDIVIDI
  • Credion

Nella presentazione, del corso Esplorare il mondo con la matematica mi imbatto in un interessante quesito: “La matematica è in grado si studiare le epidemie, l’armonia del creato, i frattali?”. Provo a rispondere.

La prima domanda è facile. Anche il profano sa ormai che il contagio può essere modellizzato con la funzione esponenziale, che il rischio della malattia può essere valutato col calcolo delle probabilità, eccetera.

Icotea

L’ultima domanda è più facile ancora. Chiunque abbia sentito parlare di “frattali” ha capito perlomeno che si tratta di enti geometrici e dunque è persino banale riconoscere che la matematica è in grado di studiarli in modo opportuno.

La domanda di mezzo è addirittura disarmante. Che cosa si intende infatti con l’armonico “creato”? Forse l’effetto del prodigio di qualche divinità? E perché nella stessa presentazione viene citato proprio Rovelli, mentre nell’articolo precedente, per auspicare la valorizzazione della cultura scientifica nelle scuole, si prende spunto dalla notizia del Nobel a Parisi? Sia Rovelli che Parisi guarda caso sono atei. Ma questi in fondo sono fatti loro. Di certo però il creato e i rapimenti mistici nulla hanno a che fare con la cultura scientifica. E no, neppure con la matematica.

Andrea Atzeni