Home Archivio storico 1998-2013 Generico “Dante nella scuola”

“Dante nella scuola”

CONDIVIDI
  • Credion
Nel quadro delle iniziative previste dal progetto nazionale “Leggere Dante oggi”, il Ministero della pubblica istruzione ha bandito un concorso sul tema: “Figure ed episodi della Divina Commedia”, che si prefigge di promuovere nei docenti e negli studenti l’interesse per lo studio e l’approfondimento dell’opera di Dante, in un percorso di ricerca che partendo dall’Alighieri possa porre le basi, nell’ambito del progetto autonomo di ciascuna scuola,  per un adeguato ritorno alla lettura diretta dei grandi autori della letteratura italiana.
Al concorso possono partecipare studenti e classi delle scuole primarie, secondarie di I grado e secondarie di II grado.
Per la scuola primaria: sulla base di spiegazioni e illustrazioni fornite dall’insegnante, di materiali reperibili “in rete”, di visite a luoghi ricordati nella Divina Commedia o di ricognizioni di documenti e testimonianze comunque relative a Dante, le classi sono potranno produrre un elaborato scritto-grafico(si escludono video e prodotti multimediali) che presenti una ricostruzione di una figura o di un episodio o tratti un tema dell’opera del poeta secondo modalità confacenti alla sensibilità e alle capacità
degli alunni.
Per la scuola secondaria di I grado: le classi interessate (o gruppi di studenti), in analogia con quanto già detto per la scuola primaria, potranno produrre un elaborato che in forma di testo scritto (relazione, narrazione argomentata, cronaca, sceneggiatura, intervista) o di video corredato da un testo scritto, presenti la ricostruzione di una figura o di un episodio o tratti un tema dell’opera di Dante.
Per la scuola secondaria superiore: singoli studenti (o piccoli gruppi di alunni), potranno scegliere nella Commedia un episodio canonico che abbia ricevuto nel tempo anche illustrazioni figurative e ne forniranno un commento scritto, conducendo una analisi del testodai diversi punti di vista (tema, lingua, stile, metrica) e confrontando il testo verbale con le illustrazioni reperite. L’elaborato potrà eventualmente essere accompagnato da video.
Entro il prossimo 28 febbraio le scuole partecipanti dovranno far pervenire i propri elaborati al Comitato dantesco regionale, che, istituito presso l’Ufficio scolastico regionale di competenza, selezionerà nove elaborati ritenuti migliori (2 per la scuola primaria, 3 per la scuola media e 4 per la scuola secondaria superiore) e li invierà al Dipartimento per l’istruzione – Struttura tecnica esami di Stato. Entro il 30 maggio 2008 il Comitato scientifico nazionale selezionerà i nove elaborati migliori (2 per la scuola primaria, 3 per la scuola media e 4 per la scuola secondaria superiore) tra quelli pervenuti dai Comitati regionali.
I lavori saranno valutati sulla base dei seguenti criteri: sicura e diretta cognizione del testo, ricchezza della documentazione reperita e utilizzata, significatività della proposta illustrativa e di commento.
La premiazione delle classi e/o dei gruppi di studenti vincitori avverrà a Roma in data ancora da comunicare.

Il Ministero della pubblica istruzione, dal canto suo, ha predisposto l’apertura del sito internet www.agenziascuola.it/leggeredante al quale sarà possibile far riferimento per ogni utile informazione sul bando e sui contributi che potranno essere offerti alle scuole per la partecipazione al concorso.