Home Attualità Dati contagi nascosti? Il Ministero replica: “Accuse gravissime e false”

Dati contagi nascosti? Il Ministero replica: “Accuse gravissime e false”

CONDIVIDI
webaccademia 2020

In seguito al pezzo uscito sul quotidiano “Il Tempo” in cui si accusa la Ministra dell’Istruzione di aver nascosto i dati dei contagi nelle scuole, arriva la risposta del Ministero, attraverso un comunicato stampa:

“Con riferimento all’articolo pubblicato oggi dal “Il Tempo” con il titolo “Nascosti i veri contagi a scuola”, il Ministero dell’Istruzione fa sapere che ritiene le accuse del quotidiano gravissime e false. 

Nessun dato è stato mai nascosto. Le informazioni sui contagi in ambito scolastico, raccolte grazie alla proficua collaborazione dei dirigenti scolastici, sono state sempre fornite puntualmente, di settimana in settimana, all’Istituto Superiore di Sanità, per le opportune valutazioni e per il loro utilizzo. Una condivisione delle informazioni segnalata anche attraverso comunicati stampa ufficiali del Ministero dell’Istruzione, evidentemente sfuggiti all’analisi de “Il Tempo”. 

ICOTEA_19_dentro articolo

Come noto, la raccolta di dati relativi ai contagi, di qualsiasi ambito, compete alle autorità sanitarie. Il lavoro portato avanti dal Ministero dell’Istruzione ha fornito un supporto ulteriore all’analisi della situazione epidemiologica del settore scolastico, anche nel momento in cui le Asl sono andate più in difficoltà con le operazioni di archiviazione e categorizzazione dei dati. 

Si ricorda, infine, che l’analisi epidemiologica dovrebbe essere sempre svolta con la massima cautela e affidata a esperti, per evitare di veicolare messaggi imprecisi, se non addirittura scorretti”. 

Preparazione concorso ordinario inglese