Home Alunni Debutta la scuola di formazione politica

Debutta la scuola di formazione politica

CONDIVIDI

Al via dal 23 febbraio la scuola di formazione politica, nata da un’idea di Luciano Violante (ItaliaDecide) e di Giorgio Vittadini (fondazione per la Sussidiarietà).

Si parte il 28 febbraio

Il 28 gennaio si è svolta la prima lezione, gratuita, nel Salone degli Affreschi della Società Umanitaria a Milano. Si è discusso di Popolo e democrazia ascoltando un brano del discorso di Piero Calamandrei ai giovani sulla Costituzione del 26 gennaio 1955.

L’edizione milanese della scuola politica prevede altre cinque lezioni tra febbraio e maggio, dal bene comune all’intelligenza artificiale, dai nuovi nazionalismi all’Unione europea.

ICOTEA_19_dentro articolo

Educazione bene comune

Il 23 febbraio si inizia con Educazione, bene comune ed etica pubblica. Quali fattori sono essenziali nella definizione di bene comune? Quale lavoro è indispensabile per realizzarlo, dal livello personale a quello istituzionale? Ci sono premesse culturali condivise per ottenerlo? Tra gli ospiti: l’ex deputata del Partito Democratico Anna Finocchiaro, Mauro Magatti, professore ordinario di Sociologia, Università Cattolica del Sacro Cuore, Lorenza Violini, professore ordinario di Diritto costituzionale, Università degli Studi di Milano.

Intelligenza artificiale

L’8 marzo si parlerà di Intelligenza artificiale e diritti umani per capire quali sfide dovrà affrontare il mondo del lavoro e dell’impresa di fronte al nuovo sviluppo tecnologico. Quale libertà e quale sicurezza possono essere garantite dal crescente potere delle macchine? A parlarne ci saranno Marco Bentivogli, segretario Generale Fim Cisl, Ferruccio Resta, rettore Politecnico di Milano e Francesca Bria, chief technology e digital innovation officer del Comune di Barcellona.

La democrazia rappresentatitivia

Democrazia, libertà, sussidiarietà sarà il tema dell’incontro del 22 marzo. La democrazia non è un fatto acquisito per sempre. Quali sono i fattori che hanno determinato l’attuale crisi della democrazia rappresentativa? E soprattutto quale ruolo hanno i corpi intermedi e l’iniziativa dei cittadini nella vita civile? Tra gli interventi moderati da Marcello Menni, direttore Fondazione Vittorino Colombo ci saranno Franco Bassanini, presidente Fondazione Astrid, lo scrittore e giornalista Giorgio Gori, sindaco di Bergamo e Gigi Petteni, presidente Inas – Cisl. Mentre la società globale sta avanzando non possono essere trascurate le identità nazionali e culturali.

Nazionalismo e globalizzazione

La 5^ lezione sarà Nuovo nazionalismo e globalizzazione, il 5 aprile. Parleranno Giulio Sapelli, professore ordinario di Storia economica, Università degli Studi di Milano, Claudio Martelli, politico e scrittore e Dario Fabbri, consigliere scientifico e coordinatore America di Limes. 

Per partecipare bisogna scaricare la scheda di iscrizione dal sito http://www.sussidiarieta.net/it/conoscereperdecidere entro e non oltre il 15 febbraio 2019. La quota è di 100 euro, 50 se si è uno studente sotto i 26 anni. 

L’Europa

L’ultimo evento, sarà il 10 maggio 2019, e si discuterà de La grande sfida dell’Unione Europea. Il progetto europeo sta andando in crisi. Quali scenari si prospettano nel futuro prossimo? A quali condizioni l’Europa potrebbe diventare una vera casa comune? È davvero necessario rinunciare a qualche cosa per farne parte? Interverranno Carlo Cottarelli, direttore Osservatorio sui Conti Pubblici, Università Cattolica del Sacro Cuore, Alessandra Ghisleri, direttore Euromedia ed Enrico Letta, Direttore Scuola di Affari Internazionali dell’Istituto di Studi Politici di Parigi.