Home Personale Decreti L.107/15, ecco cosa cambia per le scuole italiane all’estero

Decreti L.107/15, ecco cosa cambia per le scuole italiane all’estero

CONDIVIDI
  • Credion

Dopo un lungo dibattito durato mesi, tra audizioni e confronti serrati con il mondo della scuola (ascoltate 76 realtà tra sindacati e associazioni), è arrivato il via libera agli schemi degli otto decreti attuativi della Buona Scuola: dopo i pareri favorevoli della commissione Cultura della Camera – con diverse modifiche e aggiornamenti – il 7 aprile scorso il Consiglio dei Ministri ha approvato in via definitiva i decreti legislativi che disciplinano diversi aspetti del sistema scolastico.

Mancava solo un passaggio, ora c’è anche quello: il Presidente della Repubblica Mattarella ha infatti firmato i provvedimenti del Governo e il 16 maggio che sono stati finalmente pubblicati in Gazzetta Ufficiale (entreranno in vigore il 31 maggio).

Icotea

 

SCUOLE ITALIANE ALL’ESTERO

 

DECRETO LEGISLATIVO 13 aprile 2017, n. 64 Disciplina della scuola italiana all’estero, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera h), della legge 13 luglio 2015, n. 107. (17G00072)

 

Per quanto riguarda le scuole italiane all’estero, il decreto prevede l’istituzione dell’organico del potenziamento anche all’estero: 50 ulteriori insegnanti, nuove risorse professionali che verranno selezionate dal Miur sulla base di requisiti predisposti insieme al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (Maeci).

È prevista una formazione obbligatoria prima della partenza per l’estero e in servizio, così come richiesto nel territorio nazionale dopo l’entrata in vigore della Buona Scuola.

I tempi di permanenza fuori dall’Italia passano dai 9 anni attuali a due periodi di 6 anni scolastici che dovranno però essere intervallati da un periodo di 6 anni nelle scuole italiane del Paese. Questo per evitare che il personale all’estero perda contatto con il sistema di istruzione e con il Paese di riferimento. Le scuole italiane all’estero potranno partecipare ai bandi del Piano nazionale scuola digitale.

 

{loadposition carta-docente}